Caserta, l’accensione dell’albero di Natale in piazza Dante inaugura il calendario degli eventi natalizi

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Giovedì sera, la città di Caserta ha vissuto un momento speciale. L’apertura ufficiale del programma natalizio ha preso il via con l’accensione dell’albero di Natale in Piazza Dante, alla presenza del Sindaco Carlo Marino, il Vicesindaco e Assessore agli Eventi Emiliano Casale, l’Assessore alla Cultura Enzo Battarra, i Consiglieri Comunali Pasquale Antonucci, Andrea Boccagna, Giovanni Comunale, Dora Esposito, Mariana Funaro, Rosaria Mona, il Presidente della Camera di Commercio Tommaso De Simone,  Giuseppe Russo di Confcommercio, il Questore Andrea Grassi e l’Onorevole Stefano Graziano e tante altre personalità.

Molte persone, tra cui famiglie, bambini e cittadini, hanno affollato la piazza, rendendo questo momento l’inizio ufficiale del ricco programma di eventi natalizi. “Il nostro obiettivo“, ha dichiarato il Sindaco Marino, “è attirare tanti visitatori in città e offrire ai casertani un Natale speciale. Caserta è sinonimo di unione familiare e condivisione“.

glp-auto-336x280
lisandro

Presente anche un gruppo in figuranti in costume del ‘700 in rappresentanza del Presepe Vivente di Vaccheria che si svolgerà durante queste festività natalizie nell’omonima frazione collinare di Caserta. La città di Caserta è pronta a festeggiare il Natale con l’entusiasmo e la gioia che la contraddistinguono.

Albero di Natale Caserta

Le origini dell’Albero di Natale

In un tempo lontano, le foreste erano considerate sacre. Ogni albero e ogni pianta erano considerati parte della natura divina e dovevano essere rispettati. In mezzo a questa foresta sacra, vivevano molte creature, tra cui spiriti del bosco, folletti e fate.

Durante l’inverno, quando la foresta era coperta di neve, queste creature cercavano rifugio tra gli alberi e gli arbusti. Ma un inverno, la neve cadde più pesante del solito, rendendo difficile per le creature trovare cibo e riparo.

Un albero di abete, che aveva sempre fornito riparo e nutrimento alle creature del bosco, decise di fare qualcosa di speciale. Questo albero prese alcuni dei suoi rami più belli e li offrì come rifugio alle creature del bosco.

Le creature del bosco furono così commosse dal gesto dell’albero di abete che decisero di decorare i suoi rami con frutti, bacche e candele, per ringraziarlo. Fu così che nacque la tradizione dell’albero di Natale.

Da allora, ogni inverno, le famiglie portano un albero di abete decorato in casa per celebrare la generosità e il sacrificio dell’albero che diede rifugio e nutrimento alle creature del bosco in un momento di bisogno.