Caserta è tra le città più calde d’Italia: 90 giorni oltre i 30 gradi

Sulla spiaggia della città di Imperia ci sono oggi 22 gradi, che raccontano di un clima ormai stravolto e con esso la vita di ciascuno. E’ la città italiana dove, secondo le indagini de Il Sole 24 ore, si vive meglio dal punto di vista climatico con assenza di nebbia, poche giornate di pioggia e poche ondate di calore. Un sondaggio effettuato tra i cittadini ha riportato che lì non c’è stato un inverno rigido, ma soltanto delle ondate di vento che soffiando ha portato via le polveri sottili.

Abitudini, orari, decisioni, tutto dipende dagli eventi sempre più estremi. La presenza del mare aiuta mitigando sia il caldo che il freddo. Catania e Pescara, anche loro sulla costa, sono infatti le altre due città tra i primi posti per la qualità della vita legata al clima. Al contrario, è la pianura Padana a trovarsi in fondo alla classifica con città come Novara, Vercelli, Pavia con più giorni di nebbia e di pioggia. Infatti è percepito dai cittadini che si sta verificando una desertificazione, si passa dal caldo al freddo da un giorno all’altro, non c’è stato un inverno normale.

Anche Mantova tra le ultime, quella che negli ultimi 10 anni ha registrato l’aumento più significativo della temperatura media di quasi un grado. Genova, Massa e Carrara le più colpite invece dalle bombe d’acqua.

Al contrario la città di Caserta soffre il caldo con 90 giorni all’anno di temperatura percepita pari o superiore a 30 gradi. Caldo afoso, pioggia e vento fanno sì che sia il peggior clima della Campania. Paradossalmente il capoluogo di Terra di Lavoro soffre anche gli ‘eventi estremi’, ovvero i giorni annui con accumulo di pioggia superiore ai 40 millimetri, piazzandosi 89esima nella classifica nazionale. Anche il vento la fa da padrone: Caserta è ottava a livello nazionale per giorni annui con raffiche superiore ai 25 nodi, come si è visto recentemente dai danni provocati in tutta la provincia dal maltempo.

Loading...