Caserta, #maratonaiscoming in streaming lunedì prossimo, 26 aprile, alle 21

Quali sono le ragioni per cui ci piace (ancora) leggere Dante? #maratonaiscoming proverà a capirle lunedì prossimo, 26 aprile, alle 21, sulla pagina facebok della Maratona Dantesca (fb/maratonadantesca), insieme con la professoressa Daniela Carmosino, docente della Università Luigi Vanvitelli, e la preside del Campus Manzoni, Adele Vairo.

L’incontro avrà come tema: «Che a tuo piacer ti sazia: dalla critica alla neurocritica. Le ragioni per cui ci piace (ancora) leggere Dante». E s’inserisce nella serie di iniziative della «Maratona Dantesca» per il 700esimo anniversario della morte dell’Alighieri. La Carmosino insegna Critica Letteraria e Letterature Comparate e cercherà di raccontarci le ragioni storiche, sociali e culturali del maggior o minor favore di cui ha goduto la Commedia dantesca in diverse epoche e culture.

«La pandemia non ci ferma – spiega Rosanna Cioffi, delegata dell’Università Luigi Vanvitelli per la Maratona Dantesca – Coniugare passato e presente ci aiuta ad affrontare meglio le difficoltà attuali. Entrare in sintonia attraverso la forza della cultura universale e avere la capacità di attualizzarla è una scommessa irrinunciabile».

Il prossimo incontro è previsto il 3 maggio, alle ore 21, con Massimo Capaccioli, ex Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, su «Dante e le stelle», introdotto dal Preside del Liceo Classico, Scientifico e Sportivo dei Salesiani di Caserta, don Antonio D’Angelo.

«Partiamo con le iniziative digitali – spiega Luigi Ferraiuolo, ideatore e coordinatore della Maratona – e poi le trasformeremo in presenza». Per sostenere l’iniziativa e rimanere informati, consultate la pagina facebook/maratonadantesca.