Caserta, dimensionamento scolastico. L’assessore Corvino spiega come stanno realmente i fatti

Continua a tenere banco in città la questione riguardante il dimensionamento scolastico e la perdita dell’autonomia della Scuola media Dante Alighieri e della Scuola primaria Lorenzini. Molte sono le polemiche e le ipotesi che sono venute alla ribalta negli ultimi giorni. Ed è per questo che abbiamo intervistato l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Caserta Maddalena Corvino per fare una volta e per tutte chiarezza sulla situazione, anche perché il dimensionamento non è un fallimento della Pubblica Amministrazione bensì la conseguenza di una mala gestione da parte dei dirigenti scolastici.

Assessore cosa sta succedendo?

“Tutto quello che sta uscendo fuori è frutto dei pensieri personali di qualcuno, ma certamente non corrisponde alla realtà. La realtà è che le due scuole, la Lorenzini e la Dante Alighieri sono state sotto-dimensionate. Questo perché se si scende sotto la soglia dei 600 alunni si perde l’autonomia”.

Cosa succede con la perdita dell’autonomia?

“I presidi e i DSGA sono costretti a fare una domanda di trasferimento perché perdenti posto, e l’Ufficio scolastico regionale procede con le reggenze”.

Assessore e per quanto riguarda il dimensionamento? Come si procederà?

“Ho già lavorato ampiamente sulla proposta di dimensionamento che è in dirittura d’arrivo. Sarà un dimensionamento che rispetterà il territorio, sempre tenendo conto e cercando di assecondare le aspettative dei dirigenti scolastici e dei sindacati. La proposta di dimensionamento verrà poi inviata all’Assessorato regionale alla Pubblica Istruzione”.

Assessore Corvino, si sta tanto parlando di una probabile realizzazione dell’istituto comprensivo Dante Alighieri-Lorenzini…

“Applicare oggi questa soluzione significa fare un altro tappabuchi. Poiché ci sono anche altre scuole a rischio dimensionamento, per me resta prioritario ed urgente realizzare il dimensionamento delle scuole del Comune di Caserta”.

“Mi sento di rassicurare tutti perché il mio lavoro viene svolto sempre per la cittadinanza Casertana, prestando la massima attenzione all’utenza ascoltando tutti, in primis le famiglie. Assicuro il completo servizio delle scuole nonostante la reggenza”.