Un tripudio di colori e di emozioni caratterizza lo spettacolo de “La Reggia della Danza” di Caserta

Reggia della Danza Telethon

La Reggia della Danza“, scuola di danza diretta dalla maestra Rosa Varriale, attiva a Caserta da sedici anni, ha portato in scena sabato sera al Teatro Don Bosco uno spettacolo dedicato alla raccolta fondi Telethon 2019, all’insegna della solidarietà, con coreografie per il balletto classico, moderno, hip-hop e balli caraibici.

Come la stessa maestra ha dichiarato, aprendo la serata, questo lavoro è nato dalla rielaborazione di una precedente idea già rappresentata molti anni fa, volutamente riproposta per celebrare la nostra terra e la nostra anima del Sud, ricca di elementi popolari, artistici e di forte sensibilità poetica, spunti partenopei presi a prestito molto spesso da pittori, musicisti, cantanti, attori che, attraverso la rappresentazione scenica, hanno fatto conoscere in tutto il mondo il nostro patrimonio culturale, immortale.

Sul palcoscenico si sono aperte a ventaglio bellissime coreografie, variopinte e delicate nei colori e nei tessuti degli abiti scelti con cura ed adattati alle storie narrate attraverso i balletti, i cui temi hanno spaziato dalla tarantella napoletana allo “Schiaccianoci” di Tchajkovskij, dall’hip-hop alle melodie natalizie, dalla “Rumba degli scugnizzi” ad una danza cubana ispirata all’amore di una madre per il suo bambino.

Presenti tutti i corsi degli allievi, numerosi: dalla pre-danza ai diplomandi; bravissimo Danilo Fiorentini, già vincitore di una borsa di studio in Germania, che ha deliziato il pubblico con le sue evoluzioni ed elevazioni: grande tecnica ed espressività!

La diplomanda Rosanna Celiento ha danzato con leggerezza e professionalità, accompagnata con maestria da Flavio Sorbo. Le piccole danzatrici ancora in erba hanno fatto sognare le loro mamme ed i loro papà.

Ogni corso ha la propria insegnante, dedita all’educazione degli allievi attraverso un’arte che è disciplina, rispetto, amore, spirito di gruppo. Una cosa importante però ha tenuto a precisare la Direttrice Rosa Varriale, rivolta ai genitori presenti in sala: “amate i vostri figli per quello che fanno, non guardate gli errori che hanno potuto commettere stasera, ma sosteneteli e pensate quanto ciò che stanno facendo sia importante per loro, siatene fieri“.

Una persona sicuramente speciale, sempre rispondente al messaggio benefico di Telethon che, come ogni anno, sostiene la ricerca e che, grazie alla serata di sabato 14 dicembre, ha raccolto circa tremila euro.

Due ore scorrevoli di spettacolo hanno catalizzato l’attenzione del pubblico, grazie alla varietà delle proposte ed alla bravura degli allievi: piccoli “intermezzi” dedicati al sorteggio di biglietti per una piccola lotteria a premi hanno creato un piccolo “siparietto”, preannunciando così la magia del Natale che si approssima.

Insomma la serata è stato un momento di aggregazione e di caloroso scambio di emozioni di cui grandi e piccini sono stati protagonisti.

Un ringraziamento particolare va anche al coreografo Francesco Imperatore, autore delle bellissime coreogreafie che, ricordiamolo, non è mai facile realizzare in piccoli spazi: tutti gli allievi sono riusciti a gestire ed organizzare lo spazio a disposizione con consapevolezza e padronanza, soprattutto nei cambi di scena e nelle entrate/uscite dalle quinte, compresi i più piccini come Bruna.