Vivo Fest chiude in bellezza a Caserta con Ferruccio Spinetti e Tony Laudadio in “Tutto è preludio”

Gennaro Vitrone, Sarah Adamo, Ferruccio Spinetti e Tony Laudadio

Venerdì 3 maggio alle ore 21:00, presso il Ristorante “Il Cortile” di Via Galilei, 34 a Caserta, vi sarà l’ultimo appuntamento dell’edizione 2018/2019 della rassegna VIVO FEST, il festival che porta la musica d’autore in città diretto da Gennaro Vitrone e Tonia Cestari.

Protagonisti di questa speciale serata saranno i Levia, che si sono distinti nel corso del Premio Fabrizio De Andrè 2019,  e la giovanissima Sarah Adamo, che salirà sul palco con la sua musica, i suoi testi e le sue canzoni. Ospiti d’eccezione saranno Ferruccio Spinetti e Tony Laudadio, per la prima volta a VIVO FEST,  per regalarci una serata piena di emozioni con “Tutto è preludio“.

Noi di CasertaWeb abbiamo avuto l’onore e il piacere di essere presenti alla presentazione dell’evento e ci siamo intrattenuti amabilmente con gli artisti che si esibiranno il 3 maggio. Abbiamo posto loro alcune domande alle quali hanno risposto in modo molto disponibile.

Signor Vitrone come avete coinvolto Ferruccio Spinetti e Tony Laudadio in questo progetto?

Vitrone: Molti artisti stanno contribuendo alla buona riuscita di questo progetto musicale. Il festival esiste dal 2015 e abbiamo cambiato spesso location: prima siamo stati ospitati dal Teatro Civico,  e poi da Officina Teatro e adesso qui dal ristorante Il Cortile. E, visto che siamo in clima primaverile, abbiamo pensato fosse più opportuno che l’evento si svolgesse all’aperto. E poi questa location è in pieno centro storico, quindi dovrebbe essere più facile farci raggiungere dal pubblico interessato.

E’ vero che in questo spettacolo ci sarà anche un reading di Tony Laudadio?

Vitrone: Sarà un reading senza perdere di vista la canzone d’autore, infatti ci saranno i Levia Gravia, ci sarà Sarah Adamo ,che propone un jazz d’autore; comunque siamo molto attenti alle novità e alla musica che ci gira intorno.

Laudadio: Tuttavia, questo è un reading anomalo perché il romanzo (che è candidato al Premio Bancarella, Ndr) è incentrato sulla musica, quindi è la combinazione ideale per un festival come questo che è cross-over fra i generi, in questo caso si spinge anche oltre la musica, anche se resta il tema centrale.  Io, fra l’altro, durante il reading suonerò il sassofono, accompagnato da Ferruccio al contrabbasso e canterò delle canzoni. Quindi sarà una forma di spettacolo molto articolata ed originale.

Ferruccio Spinetti, Tony Laudadio e Gennaro Vitrone

Quindi lei, oltre ad essere scrittore e attore è anche musicista?

Laudadio: In realtà io nasco musicista anche se altre vicende mi hanno portato altrove. Ho iniziato con Ferruccio Spinetti quando avevamo 11 anni a suonare i primi strumenti

Le musiche sono state scritte appositamente per questo spettacolo?

Spinetti: Alcune si ed altre no. Perché il romanzo ha una particolarità: è diviso per capitoli e ogni capitolo porta il titolo di uno standard jazz o di una canzone, quindi alcune cose le prendiamo proprio dalla stesura del libro. Inoltre è prevista anche una parte prettamente improvvisata, in classico stile jazzistico.

Spinetti:  Un’altra cosa che tengo a sottolineare è che siamo tutti casertani intorno alla cinquantina e siamo fra quelli che hanno potuto realizzare il proprio sogno, anche nascendo in una provincia come la nostra. Ogni qualvolta che a Caserta si verificano delle occasioni per dare un contributo, come il VIVO FEST, noi ci prestiamo sempre volentieri.

Laudadio:  Credo che il segreto del successo di queste iniziative sia proprio questa combinazione di elementi: una generazione che trasmette l’arte, la passione artistica in un luogo abbastanza piccolo da poter essere coltivata senza una reale concorrenza.

Spinetti e Laudadio con il libro “Preludio a un bacio”

Tony Laudadio

Formatosi alla Bottega di Vittorio Gassman, nel 1993 avvia un lungo periodo di collaborazione con Toni Servillo, prendendo parte a “Zingari”, “Misantropo”, “False Confidenze”, “Tartufo”, “Sabato Domenica e Lunedì”. Nello stesso periodo fonda con Enrico Ianniello la compagnia “Onorevole Teatro Casertano”, con la quale (scrivendo spesso anche i testi) produrrà spettacoli come “Rosencrantz e Guildenstern sono morti”, “Pinocchio”, “Magic People Show”, “Šostakovi?” e “Tradimenti” di Pinter. Al cinema collabora, tra gli altri, con registi come Paolo Sorrentino (L’uomo in più), Nanni Moretti (Mia madre) ed Edoardo De Angelis (Mozzarella Stories, Indivisibili).

Ferruccio Spinetti

Contrabbassista e compositore, si è diplomato in contrabbasso nel 1994 con il massimo dei voti e la lode. Nel 1990 entra a far parte degli Avion Travel. Con gli Avion Travel ha registrato dieci cd per la Sugar, vinto il Festival di Sanremo del 2000, realizzato colonne sonore per films e tenuto concerti in tutt’Italia ed all’estero. Dal 2004 al 2008 ha suonato nel nuovo quintetto di Stefano Bollani “I Visionari” suonando in Italia e all’estero ed ha registrato 2 cd. Nel 2003 fonda con Petra Magoni un duo per solo Contrabbasso e Voce che da vita a “Musica Nuda”. Da allora tantissimi concerti tra Italia, Francia, Germania, Spagna, Russia, America, Canada, Ecuador.

Levia

I Levia nascono nel 2001 a Salerno. Sono vincitori del “Premio Benjamino Esposito” nel 2001 e del “Premio Ecoradio” nel 2008. Sono finalisti del Premio “Primomaggio tutto l’anno” nel 2008, del “Premio Fabrizio De Andrè” nel 2015 e di Botteghe d’autore nel 2016. Con OtiumRecords pubblicano nel 2008 il primo album, “Il Contributo” e lo presentano al Teatro Masini di Faenza nella serata inaugurale del Meeting delle Etichette Indipendenti.  Due dei brani in esso contenuti hanno portato nello stesso anno il gruppo al Musicultura.
Nel 2015 esce il loro secondo lavoro discografico “Nel tempo che avanza” pubblicato con I Make Records.

Reading musicale d’autore con:

Ferruccio Spinetti e Tony Laudadio

In concerto:

Sarah Adamo
Sarah Adamo (voce)
Marcello Bux Massa (piano)
Giovanni Gambardella (sax)

Levia
Alfonso de Chiara (voce)
Domenico Andria (basso)
Fabio Raiola (chitarra)

Direzione Artistica
Gennaro Vitrone e Tonia Cestari

Conducono
Dalia Coronato e Francesco Massarelli

Fonico: Flex Aiello (Francesco Aiello)

Ph: Gabriella Ciaramella

Ticket spettacolo 10,00 euro (escluso cena e/o consumazioni)
Ingresso gratuito per i bambini di età inferiore ai 12 anni.
Posti limitati, è consigliata la prenotazione.

Info e prenotazioni:
– 339 685 9469
– 338 298 2950 (Il Cortile Ristorante)