Casertana ferma al palo. Dopo il successo a tavolino di Trapani, turno di riposo forzato per i rossoblù

Castaldo - Credit Photo Giuseppe Scialla
Credit Photo Giuseppe Scialla

Casertana ferma al palo anche questo fine settimana. Dopo la vittoria a tavolino raccolta senza colpo ferire al primo turno sul campo del Trapani (tre punti in più in classifica ma ancora a rischio in caso di esclusione dal torneo della compagine siciliana), la formazione rossoblù avrebbe dovuto affrontare al “Pinto” il Foggia, ma l’ammissione tardiva al campionato di Lega Pro della squadra dauna consentirà ai pugliesi di iniziare la stagione solo il prossimo 11 ottobre.

Ancora un week-end libero, quindi, per la Casertana dell’allenatore toscano Guidi che fino a questo momento ha disputato appena due amichevoli (contro Viterbese e Frosinone). Bisognerà attendere mercoledì 7 ottobre per la prima gara ufficiale della stagione quando i falchetti saranno di scena al “Viviani” di Potenza contro i rossoblù locali.

Col calcio-mercato aperto fino a lunedì prossimo da parte della società continua la definizione dell’organico per il campionato 2020-2021 che finora ha visto ben tredici nuovi innesti e nove confermati oltre che una sensibile diminuzione dell’età media del gruppo. Nelle ultime ore si sono registrate le rescissioni contrattuali col difensore Petta e l’esterno Zito (erano legati al sodalizio rossoblù fino al 30 giugno 2021 ma sono scesi in serie D accasandosi rispettivamente a Bitonto e Picerno), mentre ad irrobustire il pacchetto di retroguardia sono arrivati l’ivoriano Konate, lo scorso anno già alle dipendenze di Guidi con la maglia del Gubbio e l’uruguayano Buschiazzo, secondo “celeste” nella storia della Casertana dopo Cacciavillani visto all’opera in maglia rossoblù alla fine degli anni Cinquanta.

Campagna-trasferimenti chiusa? No. In un reparto di mediana particolarmente affollato è in partenza Lezzi, ma all’appello mancano ancora un difensore centrale di rincalzo ed un esterno d’attacco che possa compensare l’addio di Zito. Improbabile, a questo punto del mercato, la partenza sia di D’Angelo che di Castaldo, inizialmente messi in lista di sbarco da parte del club di corso Trieste.