Casertana: Santoro – Parigi, botta e risposta al “Razza”

Vibonese - Casertana
Foto di Giuseppe Scialla

Dura sessanta secondi la gioia della formazione rossoblù di portare casa tre punti preziosi in chiave classifica. Il botta e risposta tra Santoro e Parigi, tra il 53’ e il 54’, consente alle due formazioni di dividersi la posta in palio e di allungare la striscia di risultati positivi. Non è stata sicuramente una partita entusiasmante, con la Casertana che si è, nell’arco dei novanta minuti, fatta preferire per il numero di occasioni create e per aver cercato con più veemenza i tre punti.

Alla ricerca di un risultato positivo su un campo tradizionalmente ostico, solo una vittoria nei nove precedenti tra le due squadre giocati al “Razza” di Vibo Valentia, che consentirebbe ai falchetti di fare un altro passo, forse decisivo, verso il raggiungimento dell’obiettivo minimo stagionale, la salvezza, per poi provare a puntare a qualcosa di più importante. Casertana che arriva in terra calabra dopo la brillante vittoria di mercoledì contro la Virtus Francavilla, e con la consapevolezza di potersi giocare le sue carte fino in fondo, nonostante il tecnico toscano sia costretto a fare i conti con delle assenze importanti, tra cui Castaldo, non partito proprio per la trasferta di Vibo. In avanti per la formazione rossoblù toccherà ancora una volta a Cuppone, reduce dalla tripletta di mercoledì, provare a sfruttare il suo momento magico, ai cui fianchi agiranno Turchetta e Pacilli.

In casa Vibonese, a digiuno di vittorie dal 2 dicembre proprio al Pinto, l’arrivo di mister Roselli, che ha sostituito Galfano che ha pagato le quattro sconfitte consecutive, ha portato, ad oggi, in dote tre pareggi consecutivi che hanno fatto respirare la classifica della formazione calabrese, ma che di fatto la tiene ancora attaccata alla zona playout. Scelte di formazione confermate, stando alle indiscrezioni della vigilia, con Ambro e Plescia che si aggiudicano il ballottaggio per una maglia da titolare con Di Santo e Berardi. In campo dal primo minuto l’ex Laaribi.

Casertana che prova a fare la partita fin da subito, cercando di evitare che la formazione padrona di casa possa prendere campo e mettere in difficoltà la retroguardia rossoblù. Al 6’, il primo squillo dell’incontro è di marca casertana: tiro –cross di Del Grosso, indirizzato sul palo lontano della porta difesa da Marson, con quest’ultimo che non si fida della traiettoria e mette la sfera in angolo. All’8’ è ancora la Casertana ad affacciarsi dalle parti di Marson, con un tiro dalla unga distanza di Hadziosmanovic che si spegne lontano dallo specchio della porta. Al 20’ si vede anche la Vibonese: Laaribi lancia sull’esterno Plescia che elude il fuorigioco e lascia partire un tiro che attraversa tutta l’area di rigore ma non trova la deviazione vincente di Parigi. Al 21’ arriva subito la risposta della Casertana: spunto di Pacilli che supera il suo diretto marcatore e lascia partire un diagonale che spegne di poco a lato. Al 26’ Vibonese pericolosa con Plescia, che raccoglie una rimessa laterale e prova la rovesciata che è facile preda di Avella. Al 37’ ancora Casertana pericolosa dalle parti di Marson: cross dalla destra di Hadziosmanovic e Cuppone è bravo a prendere il tempo al suo marcatore, ma il suo colpo di testa termina a lato. Squadre che vanno al riposo con il risultato ancora in parità, ma almeno per quello che si è visto nella prima metà gara, la Casertana si è lasciata preferire per aver cercato con più insistenza la porta di Marson, e solo un pizzico di precisione in più avrebbe potuto regalare ai falchetti il vantaggio.

Seconda frazione di gioco che si apre come si era conclusa la prima: Casertana a provare a fare la partita e Vibonese, attenta dietro la linea della palla, che cerca di ripartire in contropiede. Al 48’ è Icardi a tentare la conclusione dalla distanza, ma Marson è bravo a non farsi sorprendere e para senza difficoltà.  Nel giro di sessanta secondi arriva il botta e risposta tra Casertana e Vibonese. Al 53’ Pacilli si guadagna un calcio di punizione dai venticinque metri; alla battuta va Santoro che con un tiro beffardo, a scavalcare la barriera, batte Marson, con la sfera che gli rimbalza davanti quando il portiere calabrese era proteso in tuffo. Gioia rossoblù che dura nemmeno un minuto: 54’ combinazione Plescia – Parigi con quest’ultimo che supera Buschiazzo e con un tiro forte di destro batte Avella e ristabilisce la parità.  Al 63’ ancora Casertana pericolosa, con una punizione di Santoro che si perde di un nulla a lato della porta di Marson.  Al 66’ è Cuppone a mettere i brividi a Marson: cross di Buschiazzo e colpo di testa dell’attaccante casertano, con la sfera che è alta di un soffio sopra la traversa. Ritmi che si abbassano, con le due squadre che sembrano accontentarsi del pareggio e che badano più a non scoprirsi che a cercare l’affondo. All’84’ è il neoentrato Longo a scaldare i guantoni a Marson, bravo a deviare in angolo, una conclusione forte, dell’attaccante casertano. È l’ultima occasione del match, che lentamente si trascina oltre il novantesimo e dopo quattro minuti di recupero il direttore di gara manda le due squadre negli spogliatoi. Finisce in parità al “Razza”, ma chi ha da recriminare è la formazione di Guidi.

VIBONESE (3-4-1-2): Marson; Sciacca, Redolfi, Mahorus; Ciotti, Tumbarello (87’ Murati), Ambro (71’ Bachini), Statella (32’ Cattaneo); Laaribi; Parigi (87’ Spina), Plescia. A disp. Mengoni, La Ragione, Berardi, Falla, Leone, Di Santo, Di Santo, Mancino, Fomov. All. Roselli

CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Buschiazzo, Carillo, Del Grosso; Matese (79’ Varesanovic), Santoro, Icardi; Pacilli (60’ Rosso), Turchetta (74’ Matos), Cuppone (79’ Longo). A disp. Dekic, Zivkovic, De Sarlo, Ciriello, De Lucia, Polito, Rillo. All. Guidi

Arbitro: Fabio Pirrotta di Barcella Pozzo di Gotto

Assistenti: Giacomo Monaco di Termoli e Fabio Dell’Arciprete di Vasto

Quarto Ufficiale: Enrico Gemelli di Messina

Reti: 53’ Santoro (CE), 54’ Parigi (VI)

Ammoniti: 29’ Cuppone (CE), 69’ Matese (CE), 80’ Parigi (VI)

Recupero: 1T 2; 2T 4′