Il casertano Bruno Fabozzi si candida alla guida della Federatletica campana

Caserta – Bruno Fabozzi, presidente del Comitato provinciale di Caserta della Federazione Italiana di Atletica Leggera, si candida alla guida del Comitato Regionale della Campania e presenta la squadra che lo sostiene.

L’election day è fissato per il prossimo 20 febbraio e con Fabozzi corrono per la carica di consigliere federale Amalia Di Martino, Mariaelisa Sannino, Carlo Cantales (che è anche candidato al Consiglio Nazionale), Luigi Conte, Giuseppe D’Aponte, Pasquale De Nicola, Rino Di Leo, Ciro Improta, Carmine Giuseppe Paone e Rosa Nerone che corre come Revisore dei Conti. Molte le new entry ed i giovani della compagine capitanata dal Professore Fabozzi che si pone come obiettivo principale del prossimo quadriennio un radicale cambiamento del modo di intendere e di svolgere l’atletica in Campania, rispetto alla gestione che ha caratterizzato l’ultimo quinquennio.

Bruno Fabozzi è professore di Scienza Motorie ed insegna alla scuola media di San Marcellino, città in cui risiede e dove ha svolte per diversi anni anche attività politica ricoprendo l’incarico di vice sindaco e di assessore ed è presidente dell’Arca Atletica Aversa Agro Aversano, società che è stata recentemente insignita dal CONI della Stella d’Oro al merito sportivo per i 50 anni di attività.

“La mia è una candidatura nata grazie al sostegno di numerose società campane – spiega Fabozzi – per portare a compimento un progetto di trasformazione e costruzione della Federazione Regionale nel quadriennio 2021-2024. Occorre ridare slancio a tutte le attività purtroppo mortificate da scelte che si sono dimostrate completamente fallimentari, partendo, come è logico che sia, dal settore giovanile fino ad arrivare al variegato e sempre più nutrito settore Master, passando per il sostegno ai tanti atleti campani che nel settore Assoluti si vedono costretti ad abbandonare la regione. Ci sono tante sfide da raccogliere, giocare e provare a vincere per il bene dell’atletica leggera che rimane, come ci insegna la storia, la più alta espressione dello sport in termini valoriali.

Il gruppo che mi sostiene in questa affascinante avventura – conclude Fabozzi – è formato da un equilibrato mix di amici, dirigenti sportivi esperti e da tanti giovani con voglia di fare che hanno portato contributi innovativi conditi da quella fondamentale dose di entusiasmo che ai fini della realizzazione di un progetto di rilancio è una vera e propria linfa vitale per il mondo dell’atletica leggera campana e nazionale”.