Il caso “Villa Vitrone”, la Cisas Campania chiede la sospensione dei lavori del nuovo parcheggio

Riceviamo e pubblichiamo di seguito il comunicato Stampa della Cisas Campania sulla vicenda di Villa Vitrone:

“Villa Vitrone, una bella ed antica dimora della Caserta patrizia, venne ereditata dall’Amministrazione Provinciale, che la utilizzò per anni quale sede per convegni ed eventi di particolare importanza.

Villa Vitrone è stata, in questi giorni, violata da automezzi che ne stanno distruggendo l’abbondante verde per farne un posteggio auto per i dipendenti della Provincia, che – in numero doppio degli attuali – erano ospitati all’interno dell’edificio della Provincia al Corso Trieste, come segnalato alla Confederazione Cisas.

Il Presidente della Provincia dell’epoca, Riccardo Ventre, dispose che in Villa Vitrone avesse sede la prestigiosa Commissione Provinciale per l’Emersione del Lavoro Non Regolare, costituita – a norma di apposita legge – dal Prefetto di Caserta e di cui fecero parte i rappresentanti previsti dei vari Enti pubblici e dell’Università.

Con sensibilità, il Presidente dell’A.P., Ventre, accolse la richiesta del Presidente della suddetta Commissione Provinciale, Mario De Florio, in rappresentanza dell’Inail, destinando che in Villa Vitrone avesse sede stabile la Commissione.

I lavori di distruzione dei giardini di Villa Vitrone per farne un posteggio, come disposto dall’attuale presidenza della Provincia, sono un’offesa per tutta la cittadinanza casertana, compresi gli organismi culturali ivi operanti.

La Segreteria casertana della Cisas chiede al Presidente Magliocca di far sospendere ogni lavoro presso la Villa amata ancora da tutti i casertani”.

Aggiungiamo a quanto detto che la Villa è, tra le altre cose, anche l’attuale sede dell’Università di Scienze Turistiche “Umberto Fragola”.

Per conoscere origini e storia dell’edificio il bell’articolo di Luigi Bove su https://caserta.italiani.it/villa-vitrone/