A Castel Sant’Elmo un corrimano racconta la magia di Napoli ai non vedenti. E’ lì dal 2017 ma pochi lo sanno

Non tutti sanno che a Napoli, da qualche anno, c’è un luogo in cui il panorama e le sue suggestioni si toccano con mano. Una magia “democratica” perchè concessa a tutti, compresi i non vedenti.

Questo luogo è Castel Sant’Elmo dove l’artista Paolo Puddu, diplomato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ha creato un corrimano che riporta, in scrittura Braille, una descrizione della bellezza dei luoghi circostanti.

Il progetto si chiama “Follow the shape“, “Segui la forma“, e si propone l’obiettivo di avvicinare il pubblico dei non vedenti alle bellezze di Napoli, toccando ed entrando in contatto con questo corrimano di acciaio inox.

Le parole riportate sono quelle del libro “La terra e l’uomo” (1947) di Giuseppe De Lorenzo, un percorso evocativo, più che descrittivo, che vuole aiutare i non vedenti a godere, in modo nuovo, della città e del panorama di Castel Sant’Elmo.

L’opera è stata installata al posto del vecchio corrimano su volere del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nell’ambito del Piano per l’Arte Contemporanea, con la collaborazione dell’Associazione Amici di Capodimonte.

L’opera permanente, che è del 2017, ha  vinto la quinta edizione del concorso “Un’opera per il castello”, incentrato sul tema dello sguardo altrove, “Uno sguardo altrove – Relazioni e incontri”.