Castel Volturno, un programma cultura: gemellaggi, festival del cinema, teatro di animazione, museo della cultura

Castel Volturno, un programma cultura: gemellaggi, festival del cinema, teatro di animazione, museo della cultura
Oasi dei Variconi
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Un incontro pubblico a breve, con l’invito a partecipare ai candidati sindaci e capilista, per presentare ed illustrare il progetto

Ripartire con la cultura, il programma per Castel Volturno pensato da Le Piazze dei Saperi e dei Colori

Una proposta con cui chiedere candidati sindaci di Castel Volturno di porre una attenzione diversa rispetto al passato ai temi del sapere e della cultura: gemellaggi, festival del cinema, teatro di animazione, museo della cultura, caffè letterario, sono solo alcuni dei temi proposti.

Il mondo odierno è caratterizzato da una crescente interconnessione tra culture diverse. Questo fenomeno, seppur positivo, può generare incomprensioni e sfide. Il confronto interculturale diventa quindi fondamentale per promuovere la tolleranza, il rispetto e la comprensione reciproca.

glp-auto-336x280
lisandro

A tal fine vanno creati spazi e luoghi d’incontro, in primo luogo nel centro storico, per poter ripartire con la cultura come fattore di coesione e di inclusione sociale, di conoscenza e di apprendimento permanente.

Come priorità di intervento per la prossima giunta comunale chiediamo l’apertura di uno spazio pubblico aperto – ad esempio una biblioteca civica – per favorire partecipazione consapevole dei cittadini.

Come rete associativa possiamo dare un contributo, così come è stato fatto negli anni precedenti, con la definizione e l’organizzazione di un programma di eventi, di attività e di progetti sui temi dello sviluppo ecosostenibile, che si possono promuovere anche sulle spiagge e nei luoghi di villeggiatura – che verrà presentato ai candidati sindaci ed ai capilista in una apposita iniziativa a inizio giugno.

Un altro filone di interventi va rivolto ai soggetti deboli (donne e immigrati), ai giovani e alle scuole con la promozione di alcuni indirizzi tematici:
a) Affermare la cultura della legalità democratica contro ogni forma di violenza e di camorra; con la lotta all’azzardo e all’usura.
b) Letture di gusto, libri, cibo, territorio e ambiente.
c) Cittadinanza e diritti.

Nell’era di Internet e dei social, una particolare attenzione va posta a percorsi educativi per invogliare i giovani a socializzare e alla lettura creativa. In merito si possono ideare originali iniziative per favorire il rapporto intergenerazionale tra nonni e nipoti, in collaborazione con il centro europeo della cultura di Collodi (la patria di Pinocchio) e con il Media Education Lab, Un primo obiettivo che ci poniamo è quello di far crescere la cultura dell’accoglienza e della solidarietà, creando ponti tra popoli e civiltà diverse.

A tal fine presenteremo dei progetti di gemellaggio con alcuni paesi: in primo luogo con Montpellier in Francia per la via Domiziana; in secondo luogo con Soweto il borgo del sud Africa in cui è nata Miriam Makeba, Mama Africa, oggi ricordata con un cippo in Baia Verde.

Un altro settore di intervento riguarda le politiche di valorizzazione e promozione a fine turistico del paesaggio e delle bellezze naturali, a partire dall’Oasi dei Variconi all foce del Volturno – con una proposta di gemellaggio con il Parco di Albufera che si trova a Valencia in Spagna.

Una particolare attenzione daremo alle attività del cinema, con il Festival annuale promosso da Daniela Cenciotti ed al teatro di animazione con l’invito ai sindaci dei comuni limitrofi (come Castel Volturno, Casal di Principe, Mondragone e Sant’Arpino) in quanto l’idea di fondo del nostro progetto si può realizzare con un consorzio intercomunale per la gestione dei teatri esistenti nel territorio, a partire da quello di Castel Volturno S. Aniello.

Nello stesso tempo la musica popolare può riproporre le tradizioni e le radici culturali (come sta facendo il cantautore Lello Traisci). Infine, potremo intensificare la collaborazione con il Museo della cultura realizzato nel centro Fernandes e con il mondo degli artisti presenti sul territorio (a partire da Alessandro Ciambone con il Miace e Alessandra Torricelli con il suo artigianato artistico. Per la prossima estate utilizzeremo alcuni spazi dove organizzare le nostre attività: in primo luogo Piazza Annunziata nel centro storico; il caffè letterario di Baia Verde, nei pressi del cippo di Miriam Makeba; sul mare del lido Luise, destra Volturno Centro Fernandes e Villaggio Coppola (da definire).

Per presentare ed illustrare questo progetto organizzeremo un incontro pubblico nei prossimi giorni, con l’invito a partecipare ai candidati sindaci e capilista.