Centro Sociale Ex Canapificio, Casa del Sociale: “Urgente un incontro tra associazioni, Comune e Regione”

Centro Sociale Ex Canapificio, Casa del Sociale:
Mamadou Kouassi e Vincenzo Fiano del Centro Sociale davanti alla sede dell'Ex Omni. Alle spalle l'immagine di Mamadou Sy l Presidente dell’associazione dei Senegalesi di Caserta scomparso nel 2019
HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La richiesta a seguito del consiglio comunale di Caserta del 17.4.24

“Il Sindaco Marino durante la seduta consiliare ha ben ritenuto di invitare la polizia locale ad allontanarci e a zittirci”

Nel cortile dell’Ex Onmi il 25 aprile i festeggiamenti per la Liberazione

“Chiediamo con urgenza un incontro tra noi associazioni, il Comune di Caserta e la Regione Campania. Facciamo chiarezza sul percorso di ristrutturazione e apertura della Casa del Sociale di Caserta.

glp-auto-336x280
lisandro

Ieri abbiamo partecipato al Consiglio Comunale e abbiamo esposto dei cartelli che sollecitano il Comune di Caserta rispetto a delle questioni sociali secondo noi urgentissime:

l’apertura della Casa del Sociale Mamadou Sy presso l’Ex Onmi di viale Beneduce. Il Sindaco Marino ha detto che non c’è la copertura finanziaria della Regione Campania per fare i lavori di ristrutturazione dello spazio, mentre fino a ieri si annunciava l’apertura del cantiere entro l’estate.

il ripristino dell’accoglienza dei migranti adulti nella rete Sai dopo che il Comune si è fatto revocare ben 7 milioni dal Ministero degli Interni

la tutela delle esperienze di gestione condivisa degli spazi verdi in città, come la Villetta di via Arno nel quartiere Acquaviva, per la quale attendiamo ancora e inspiegabilmente il rinnovo del Patto di Collaborazione.

Siamo intervenuti durante il Consiglio Comunale perché l’attenzione che il Comune riserva a questi punti, a nostro avviso cruciali per l’intera città, è ben lontana dall’essere sufficiente.

Abbiamo chiesto, come tante volte negli ultimi due mesi, un incontro al Sindaco in merito, ma il Sindaco Marino, del Partito Democratico che amministra questa città con in giunta anche il Movimento 5 Stelle, ha ben ritenuto di invitare la polizia locale ad allontanarci e a zittirci.

Non è decisamente questo l’atteggiamento che ci si aspetta quando, in maniera più che pacifica, si pongono delle questioni essenziali per la democrazia e la giustizia sociale della nostra città.

Ribadiamo il nostro appello ad un tavolo di dialogo aperto, trasparente e condiviso con Comune di Caserta e Regione Campania e intanto vi diamo appuntamento nel cortile dell’Ex Onmi il 25 aprile di pomeriggio, per festeggiare la Liberazione! A breve, il programma completo.”