Chiude il mercatino dell’usato a Casagiove. A deciderlo il sindaco Corsale

Casagiove (Caserta) – Il mercatino dell’usato di Casagiove chiuderà i battenti per volere del sindaco. Il primo cittadino Roberto Corsale con l’ordinanza n.24 del 12 giugno ha bloccato le attività dei venditori che operano abitualmente nell’area di via Recalone, al confine tra Casagiove e Recale. E’ imposto, si legge nel documento, non solo “il divieto immediato di svolgimento di ogni attività di commercio e\o mercato” ma anche quello “di gestione del parcheggio”.

Si tratta di una decisione importante considerando il fatto che il mercatino è stato recentemente più volte al centro del dibattito pubblico a causa di alcune irregolarità. L’inviato di Striscia la Notizia Luca Abete fu protagonista di un vero e proprio “blitz” nel mercatino, durante il quale, oltre ad essere accolto in malo modo dai venditori, scoprì che in diverse bancarelle venivano messi in commercio prodotti “di dubbia provenienza”. Fatto confermato dal quasi contemporaneo intervento dei finanzieri di Caserta, che il 15 aprile scorso hanno fatto irruzione nell’area mercatale ed hanno trovato in vendita merce contraffatta e rubata .