Il circolo nazionale di Caserta, ospita Gio’ Vescovi in concerto il 28 dicembre

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

“Do something creative every day. That’s one motto I live by. Do something for someone else every day. You’re sure to have a good day”.
(Fare qualcosa di creativo ogni giorno, questo è il motto con cui vivere. Fare qualcosa per qualcun altro ogni giorno, sicuramente sarà una buona giornata).

Il 28 dicembre alle 19.00, Giò Vescovi si esibirà in concerto al Circolo Nazionale in piazza Dante a Caserta con il progetto “SHAPES OF IMAGINATION”, una raccolta di brani tra i più significativi della sua produzione 2016-2022.

LORETOBAN1
anticheleuciane
previous arrow
next arrow

Un viaggio tra riflessioni personali e fotografie del presente; una lunga ricerca del “combinato disposto” tra moderni menestrelli e una possibile raffinata ricerca di arrangiamenti dai modi gentili e mai invadenti.

La sua musica, è qualcosa dentro che viene fuori suonando, materializzandosi intorno a lui finché vive con le sue emozioni. La sua è quella della strada, sporca, impolverata, sudata, disidratata, vissuta e scevra da quei stilemi classici e di dosaggi esatti che non gli appartengono.

I brani che compongono questo lavoro, sono stati pilotati da svariati input musicali e da ventilate ispirazioni tendenti al folk, blues, chillout, pop, rock, dark, world e “arie” dal sapore barocco.

Composizioni molto intime, che raccontano le esperienze dell’artista, i suoi percorsi, le sue vittorie e i suoi momenti negativi, senza tralasciare le emozioni provate durante la sua giornata. C’è questo (e tanto altro) nel progetto di Giò Vescovi, siciliano di origini ma casertano di adozione.

Nel complessivo, il progetto usa come addendum il mare, il Mediterraneo per l’esattezza, un luogo, d’altro canto, sempre presente in molti album precedenti, e che rappresenta i ricordi della sua adolescenza, i fallimenti e le piccole rivalse.

L’autore si immerge totalmente nel tema dell’amore, della consapevolezza dei rapporti umani che “ammuttanu” (spingono) tutti gli iter del vissuto, dove ne esprime apertamente la visione e dove l’amore usato come chiave per abbattere quei muri che inconsciamente costruiamo, quelle barriere invisibili che ci ingabbiano e ci impediscono di concederci in maniera totale, senza riserve.

Amore come mezzo per superare i limiti, per esprimere l’essenza, per contenere la follia e far esplodere i sentimenti. I brani vengono presentati come cerchi nell’acqua che si irradiano partendo da un punto centrale, creando un loop sonoro e visivo che spazia nel profondo dei sentimenti ed emozioni, perdendosi poi nel grande oceano della vita comune di tutti i giorni.

Per info:
https://www.facebook.com/gio.vescovi
https://www.youtube.com/GioVescovi
https://open.spotify.com/album/0Q5DbwYhSBiJD5FMMPCUmK