“Col dito di Tommaso”: Bertinotti e Nogaro al PalArti di Capodrise

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Tra fede e ragione. Il 24 maggio, alle 18:30, il Palazzo delle Arti di Capodrise ospiterà Fausto Bertinotti e Raffaele Nogaro. Personalità simbolo di un’alternativa socialista al capitalismo totalitario, il primo; vescovo emerito e figura epica dell’impegno al contrasto della camorra, il secondo.

Ispirati da “L’incredulità di San Tommaso” di Caravaggio, Nogaro e Bertinotti si interrogheranno sulle ragioni dell’incredulità dell’uomo, in un tempo in cui il dubbio è divenuto cultura; la fede, un cammino tortuoso; la diffidenza, il sistema che governa le relazioni fra persone e popoli. Tommaso era un apostolo, uno dei dodici; il predicatore ostinato che si spinse in terre lontane per diffondere il Vangelo. Eppure, fu l’unico a sfidare Cristo, dubitando della sua stessa fede. Il suo dito, che il genio di Michelangelo Merisi ha illuminato nel dipinto del 1601, è il dito dell’uomo.

Bruno-Cristillo-Fotografo
Terrazza Leuciana
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

Di un uomo che ha bisogno di vedere, di toccare per credere, anche se ciò implica attraversare il corpo dell’altro, profanarlo. Cristo, però, accettò la sfida: afferrò il braccio di Tommaso e lo porta a sé, fin dentro. Il dubbio che assalì l’apostolo è lo stesso che investe l’uomo nell’accettazione dell’altro, incapace di percepire come suo quel costato ferito. Sarà un dialogo a più voci, stimolato dagli interventi del sindaco Angelo Crescente, del direttore artistico di “Capodrise contemporanea” Michelangelo Giovinale e della giornalista Annamaria La Penna.

Un dialogo per comprendere il mondo, le incertezze dell’oggi, di cosa ne sarà del domani. Il loro, al PalArti, sarà un ritorno: un anno fa, si salutarono con una promessa: di nuovo a Capodrise per continuare a tessere le maglie di un dialogo complesso, di un confronto fra visioni distinte. Ma, forse, non così distanti.