Coltivare il Futuro, parte dalla Reggia di Caserta la seconda edizione del progetto di Scabec

Reggia di Caserta
HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La gestione delle aree verdi intesa come motore trainante di un’economia turistica e culturale dalla vocazione green al servizio del territorio. Questo il tema al centro dell’incontro inaugurale di “Coltivare il Futuro – Giardini Storici e Botanici: dalla gestione alla valorizzazione culturale” tenutosi questa mattina alla Reggia di Caserta. L’evento, giunto alla seconda edizione, tornerà il 12 e 13 aprile con un doppio appuntamento a Procida e Ischia, e due convegni a Villa Arbusto.

Gli interventi dei relatori di oggi hanno avviato un’attenta riflessione sull’importanza del “sistema del verde storico”, ovvero l’insieme integrato di giardini, parchi, siti di rilevanza storica, artistica, paesaggistica e rurale d’interesse pubblico. È fondamentale sottolineare che questo sistema verde ricopre un ruolo funzionale di organizzazione paesaggistica e si configura come elemento centrale nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali e delle politiche pubbliche.

glp-auto-336x280
lisandro

Durante gli scambi formali, Rosanna Romano, Direttore Generale delle politiche culturali e dello sviluppo turistico della Regione Campania, è intervenuta in diretta da “Fa’ la cosa giusta!” di Milano, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, sottolineando l’importanza che il turismo sostenibile rappresenta per la Campania e in particolar modo per alcune aree a vocazione eco-friendly, come l’isola d’Ischia, che si sono già adattate per sviluppare modelli di ospitalità armoniosi con le peculiarità ambientali del luogo.

Concordemente, Tiziana Maffei, Direttore della Reggia di Caserta, ha ribadito l’urgenza di un’analisi strutturata sulla connessione tra architettura paesaggistica e valorizzazione culturale. La stessa reggia borbonica campana, icona di prestigio, rimane a tutt’oggi una testimonianza perfetta di pianificazione paesaggistica e visione produttiva del territorio: un’accoppiata straordinaria che oggi consente di offrire esperienze culturali di grande impatto, rafforzando l’enorme potenziale per lo sviluppo turistico dell’intera regione.

Durante la conferenza, il Professor Manfredi Leone, docente di Architettura del Paesaggio presso l’Università di Palermo, ha delineato il prestigioso background della città siciliana come autentica città giardino già nell’Ottocento, grazie all’attenta cura dell’orto botanico. Ancora oggi, a Palermo, si possono ammirare dettagliati interventi botanici che rappresentano un elemento fondamentale nella storia della gestione dei giardini storici, ricordando tanto ai cittadini quanto ai turisti l’importanza di ripristinare gli spazi verdi nelle nostre città.

Tra i relatori, il docente Massimo Visone della Facoltà di Architettura dell’Università Federico II di Napoli, ha elencato come Napoli e Caserta, durante il periodo dei Borbone, possedevano una pianificazione paesaggistica importante, con giardini che emulavano lo stile francese, uno spettacolo che in parte ancora oggi può essere apprezzato dal pubblico.

Ad aprire la giornata di conferenze era stato il Professor Alberto Minelli dell’Alma Mater Studiorum di Bologna, il quale ha sottolineato l’importanza della tutela delle prospettive monumentali del Parco della Reggia di Caserta, evidenziando al tempo stesso la fondamentale cura necessaria per un patrimonio verde valorizzante per i luoghi d’interesse culturale.

Durante l’evento, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di partecipare ad una suggestiva visita guidata del Parco della Reggia di Caserta, grazie all’assistenza delle navette fornite dal Servizio Salvaguardia e Valorizzazione del Parco.

Il prossimo incontro di “Coltivare il Futuro” si terrà il 12 e 13 aprile a Procida e Ischia, con due convegni ospitati presso Villa Arbusto. L’Isola Verde rappresenta un osservatorio unico per promuovere una riflessione multi-disciplinare sul delicato rapporto tra gestione e valorizzazione dei Giardini Storici e Botanici. L’area comprende il Giardino della Reggia di Porto d’Ischia, Villa Arbusto, nonché i rinomati Giardini Botanici Ravino e La Mortella; tutti creati nel Settecento. In questo contesto, è fondamentale analizzare le opportunità di finanziamento attraverso il PNNR, per la valorizzazione delle Aree Verdi, dei Parchi, dei Giardini Storici e Botanici.

Il 12 aprile, inoltre, sono previste escursioni gratuite all’interno della Reggia Borbonica di Ischia, La Mortella, i Giardini Ravino, il Parco di Villa Arbusto e il Museo Archeologico di Pithecusae, per un’esperienza a tutto tondo.

Il progetto “Coltivare il Futuro” rappresenta un’importante iniziativa finanziata e coordinata dalla Regione Campania e attuata da Scabec – Società Campana Beni Culturali, volta a promuovere lo sviluppo della competitività regionale sul mercato turistico nazionale ed internazionale. Il progetto si avvale dei finanziamenti del Fondo Unico Nazionale per il Turismo – FUNT, parte corrente 2023 (D.M. n. 8019 del 19 Aprile 2023), con un cofinanziamento di risorse provenienti dal Programma Operativo Complementare – POC Campania 2014-2020. Il tono del messaggio desiderato è professionale e accurato.

La partecipazione agli eventi è gratuita su prenotazione obbligatoria a partire dalla prossima settimana tramite il sito www.scabec.it.