Comitato Macrico Verde denuncia: “Gli atti del Puc depositati al Comune di Caserta non sono disponibili in formato digitale”

Una grave inadempienza in materia di trasparenza

 E’  ancora alta la tensione civico-politica attorno al grande tema del Macrico e del Piano Urbanistico Comunale.
Il deposito in Comune, da parte dei tecnici, degli atti e documenti concernenti il Puc provoca l’allarme dello storico “Comitato Macrico Verde” che da decenni segue l’evolversi della questione e chiede che l’area Macrico sia restituita ai casertani come area verde pubblica.
Il deposito degli ultimi atti non può portare ad una loro adozione in Giunta senza la giusta supervisione degli organi politici.
Segnaliamo alla cittadinanza che gli atti sono stati depositati ma non disponibili in formato digitale rendendo ancora piu’ difficile la loro consultazione  da parte dei consiglieri comunali, fino all’adozione gli unici che potranno “prendere visione” dei documenti.
Una inefficienza strutturale gravissima che mal si accorda con gli obblighi di trasparenza e legalità previsti dalla Legge. Altrettanto grave  la richiesta arrivata da gruppi imprenditoriali e associazioni alla Giunta  per “favorire” una rapida approvazione del documento urbanistico.
Una vera e propria follia senza uno studio  approfondito degli atti e una seria discussione sul Puc aperta a tutta la cittadinanza che ha il diritto e dovere, visti i costanti fallimenti delle amministrazioni comunali, di controllare la volontà dei decisori istituzionali.
Loading...