In compagnia di una poesia… degli Indiani d’America

Eccoci, care lettrici e cari lettori, al quarto appuntamento della nostra rubrica In compagnia di una poesia. Oggi leggeremo insieme una poesia, a due voci, una maschile ed una femminile, di un esponente anonimo di una tribù degli Indiani d’America, gli Abanaki, che oggi vivono nel New England statunitense.

Gli amanti separati

I miei parenti pensano di separarmi                                                                           dalla ragazza che amo.                                                                                                 Abbiamo giurato di amarci                                                                                           per tutta la vita.                                                                                                           I loro ordini sono vani:noi ci vedremo                                                                             finché il mondo dura.                                                                                                   Sì! dicano e facciano ciò che vogliono;                                                                           noi ci vedremo finchè le rocce restano.

Siedo qui, da dove posso vedere                                                                                    l’uomo che amo.                                                                                                           La nostra gente vuol essere severa con noi;                                                                   ma io lo vedrò finché il mondo dura.

Qui rimarrò, a guardare                                                                                          colui che amo

Una poesia d’amore intensa, in cui sia l’uomo che la donna non vogliono rinunciare al loro amore, nonostante il rifiuto delle famiglie e delle loro tribù; un tema che ci ricorda Giulietta e Romeo o anche Bianca De Medici e Guglielmo De’Pazzi, in cui l’epilogo o è la morte o una separazione forzata dai propri clan. Storie che ancora oggi sono all’ordine del giorno, sebbene non se ne parla mai, proprio perché ancora oggi vige il tabù e la paura che l’ordine gerarchico-familiare e l’onore della famiglia vada perso. Se non è la famiglia a condannare, se non lo sono gli amici, è alla fine la società emblema ancora oggi di pregiudizi illimitati e ingiustificati.

Voglio ricordarvi che se anche voi scrivete poesie e vi piacerebbe inserirne una in questa rubrica basta inviarcela all’indirizzo email poesia2018@virgilio.it, riportando: titolo e testo della poesia, nome autore e breve nota di commento.

Loading...