Il Comune di Caserta vota l’approvazione del Bilancio consuntivo 2023 il 19 giugno, avanzo di 71,5 milioni

Comune di Caserta
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Al Comune di Caserta si terrà domani, mercoledì 19 giugno 2024 alle ore 12:30, un Consiglio Comunale il cui unico punto all’ordine del giorno l’approvazione del Rendiconto di gestione relativo all’esercizio finanziario 2023 (il Bilancio consuntivo).

Dal documento, secondo le fonti del Comune, risulta un avanzo di amministrazione di circa 71,5 milioni di euro.

glp-auto-336x280
lisandro

Per quanto riguarda le parti accantonate, i fondi destinati ai crediti di dubbia esigibilità sono passati da 32,5 milioni a 31,4 milioni, grazie ai risultati ottenuti nel recupero delle somme relative a Imu e Tasi.

Per quanto concerne il Fondo per il Contenzioso, già lo scorso anno l’Amministrazione lo aveva portato a una cifra pari a 4,5 milioni, nel 2023 si è toccata quota 9,7 milioni. Ciò garantirà una maggiore solidità dell’Ente in caso di sentenze avverse.

A titolo precauzionale, poi, è stato creato anche un Fondo per i debiti fuori bilancio pari a 2,1 milioni. Una misura che vuole evitare che vengano inficiati gli equilibri di bilancio.

Istituito un fondo per il riallineamento delle partite debito/credito con gli organismi partecipati (183mila euro), mentre sono stati accantonati 260mila euro per il rinnovo dei contratti dei dipendenti.

Per quanto riguarda l’avanzo vincolato, la cifra totale ammonta a 26 milioni, di cui 1,5 dedicati alle manutenzioni. Il Fondo Pluriennale Vincolato (FPV) è di 8,9 milioni.

Dati incoraggianti anche sul fronte dell’indebitamento, che passa dal 7% al 6,20%, anche grazie al lavoro svolto dall’Ufficio Ragioneria, che ha trattato singolarmente circa 10mila residui.

Capitolo entrate: buoni i dati che si riferiscono al Titolo I (Tari, Imu, Irpef). Positive le entrate del Belvedere di San Leucio (186mila euro a fronte di una previsione di 116mila) e il dato relativo alle entrate extratributarie quali pubblicità e occupazione suolo pubblico. Per ciò che concerne i permessi per l’accesso alle ZTL (Zone a Traffico Limitato), si registrano entrate per 93mila euro, rispetto a una previsione di 75mila euro.