Comune di Caserta, Politiche abitative: un nuovo avviso relativo al fondo inquilini morosi incolpevoli per l’anno 2023

Coronavirus, aiuti alle famiglie: al Comune di Casagiove fitti
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Con una Circolare del 16 marzo 2023 della Regione Campania, i Comuni sono chiamati a emanare entro 30 giorni un nuovo Avviso relativo al Fondo Inquilini Morosi Incolpevoli per l’anno 2023, con scadenza al 31 dicembre 2023.

Presto il Comune di Caserta pubblicherà il Bando con tutte le informazioni utili per presentare la propria domanda.

glp-auto-336x280
lisandro

Per morosità incolpevole si intende l’impossibilità al pagamento del canone di locazione a causa della perdita o della consistente riduzione del reddito del nucleo familiare. Si tratta di fondi nazionali, ma i contributi vengono erogati direttamente dai Comuni.

Così si legge nella comunicazione regionale del gennaio 2023:

Con Delibera di Giunta regionale n. 26 del 24 gennaio 2023 sono state approvate le Linee Guida regionali in materia di sostegno alla locazione.

Questo importante strumento disciplina la modalità di erogazione dei fondi nazionali del MIT destinati al sostegno al diritto alla casa, relativamente a tre differenti azioni:
– fondo per il sostegno all’affitto (ex L 431/98 art. 11)
– fondo per emergenza abitativa (riserva su stanziamento ex L 431/98 art. 11)
– fondo per Inquilini morosi incolpevoli.

Il primo fondo, il cui bando è in corso di pubblicazione, viene gestito direttamente dalla Regione con Bando on-line, attraverso una apposita piattaforma telematica. Questo nuovo bando coprirà parte del canone di locazione pagato nel 2022, ed avrà una dotazione finanziaria di 29 milioni di euro.

Per il controllo sugli ISEE dichiarati, ci si avvale della cooperazione telematica Regione – INPS. Il 10% dei 29 milioni viene riservato, in prima battuta, a situazioni di emergenza abitativa segnalate dai comuni.

I residui non utilizzati nel corso dell’anno, vengono riassegnati alla graduatoria.
Il fondo per la morosità incolpevole viene gestito invece direttamente dai comuni, perché è necessario un contatto diretto con il beneficiario ed il proprietario dell’immobile.

Il contributo è destinato a chi ha in corso una procedura di sfratto per morosità, per sostenere un possibile ritiro dello sfratto oppure attivare un nuovo contratto di locazione.