Concerto all’Oasi di San Silvestro di Caserta dell’Ensemble vocale-strumentale “Gli Armonici”

Gli Armonici all'Oasi di San Silvestro

Sabato 10 ottobre al centro visite dell’Oasi di San Silvestro, sede WWF del centro naturalistico casertano, su invito del Direttore Franco Paolella e dell’organizzatrice Rosy Paolella, ha avuto luogo un concerto all’aperto tenuto dall’Ensemble vocale-strumentale “Gli Armonici“, diretti dal maestro Gloria D’Alterio ed accompagnati al piano dal maestro Antonio Zona.

Il gruppo, recentemente formatosi dall’unione della preesistente corale Euterpe e dall’ensemble “Da Baubò a Beatrice”, è formato da otto coriste, di cui la solista è il soprano Francesca Paola Zaza d’Aulisio, un pianista accompagnatore, il Direttore di coro che è anche pianista accompagnatrice del soprano stesso e da altri componenti chitarristi/mandolinisti ed un percussionista che fanno parte del gruppo per particolari eventi.

Con “I sogni son desideri” il gruppo ha proposto al pubblico, alquanto numeroso nel rispetto delle norme anti-covid, un repertorio originale, all’insegna della “leggerezza”, inducendo gli ascoltatori, attenti e visibilmente partecipi, al sentimento del sognare, del desiderare di liberare la propria mente da pensieri negativi, sollecitando così la mente a dirigersi nel mondo della fantasia.

La proposta canora e musicale si è orientata verso brani anonimi sia del periodo medievale che dell’Ottocento, di origine napoletana e popolare, passando poi per le ariette di Gaetano Donizetti, Francesco Paolo Tosti e Salvatore D’Esposito.

La prima parte della serata ha visto protagonista il coro, mentre nella seconda il duo piano e voce con il soprano Francesca Paola Zaza d’Aulisio e la pianista Gloria D’Alterio.

Il gruppo vocale-strumentale ha partecipato a Festival corali nazionali, eventi Telethon, concerti natalizi, “Natale a Caserta”, “Sport &Arte ViviSanLeucio”, concorso nazionale di poesia “Domus artis mater”, vari concerti a Caserta e a Capua.

Gli “Armonici” vantano un repertorio sia religioso che profano, concertante e a cappella che comprende brani medievali, villanelle cinquecentesche, musica barocca, musica napoletana, brani di autori moderni spesso ri-arrangiati e si dedica alla sapiente ricerca di brani inediti o poco conosciuti da proporre.

Complici i profumi del bosco ed una fresca brezza dolcemente autunnale, l’ensamble ha deliziato con un’ora di sfumature sonore i partecipanti all’evento, rimandato precedentemente causa covid nel giorno dell'”heart day”.

Soprani:
Francesca Paola Zaza d’Aulisio (solista)
Adele Cozzella
Teresa Luciano

Contralti:
Tina Inturri
Annamaria Romano
Lucia Vanore

Pianista e direttore di coro: Gloria D’Alterio

Pianista accompagnatore: Antonio Zona

Parte I: Coro
Canto delle lavandaie del Vomero (anonimo) – arr. Roberto de Simone
Canzone per Juzzella (anonimo) – arr. Edoardo Bennato
Luna nova (P.M.Cosma)
Il Pagliaccio (anonimo) – arr.Roberto Murolo
Ciuri ciuri (anonimo siciliano) – musica di P.Frontini
Marechiaro (R.E.Pagliara)
Funiculì funiculà (L.Denza)
Tarantella luciana (E.Cannio)
I sogni son desideri (M.David-J.Livingston-Al Hoffman

Parte II: Duo Francesca Paola Zaza d’Aulisio – Gloria D’Alterio
La conocchia – arietta (Gaetano Donizetti)
Me voglio fà ‘na casa (Gaetano Donizetti) – arietta
Luna d’estate (F.Paolo Tosti)
Il pescatore canta (F.Paolo Tosti)
Anema e core (S.D’Esposito)
Luna caprese (L.Ricciardi)

A sorpresa, un brano finale augurando a tutti di riuscire sempre a sognare, anche ad occhi aperti, una vita ed un mondo migliore: Roma nun fa la stupida stasera (A.Trovajoli)