Consegnate 20 borse di studio con viaggi premi ai vincitori del concorso scolastico “Porta il Sole in Provincia”

Si è svolta stamane, presso l’Auditorium della Provincia di Caserta, la consegna di venti borse di studio, di 250 euro ciascuna, con viaggi premi ai vincitori del concorso scolastico “Porta il Sole in Provincia”, riservato agli studenti degli istituti scolastici di Terra di Lavoro, aderenti al Progetto “Greenway. Giovani, sole, vento, acqua: le forze che cambiano il mondo”.

Hanno partecipato il Presidente della Provincia, Giorgio Magliocca, il sindaco Giuseppe Guida, assessori e rappresentanti vari dei comuni del territorio, i dirigenti scolastici Rocco Gervasio del Convitto Nazionale “Giordano Bruno” di Maddaloni, Ida Colandrea dell’Istituto Comprensivo Statale di Pignataro Maggiore-Camigliano, Rosa Prisco dell’Istituto Comprensivo Statale “Galileo Galilei” di Arienzo, Angelina Lanna dell’ITGC “Falco” di Capua ed i referenti del partneriato, Antimo Rivetti, responsabile dell’Associazione “Solidarietà Cervinese” e Pietro Ricciardo, amministratore della Società Pignataro Patrimonio Srl. Ha coordinato l’incontro Nadia Verdile, giornalista de “Il Mattino”.

Il progetto è stato presentato dalla Provincia di Caserta, nell’ambito del Fondo Nazionale per le Politiche Giovanili 2020 – Azione ProvincEgiovani, un’iniziativa promossa dall’UPI (Unione Province d’Italia) d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Politiche Giovanili, Servizio Civile Universale e realizzato in partenariato con il Convitto “Giordano Bruno” di Maddaloni, l’ITG “Falco di Capua”, i comuni di Arienzo e di Pignataro Maggiore, con la Società Pignataro Patrimonio e con l’Associazione “Solidarietà Cervinese”.

Avviata nel 2021, l’iniziativa, che ha avuto come ambito di attività l’ambiente, il territorio e lo sviluppo sostenibile, ha conseguito il pregio di innescare azioni multidisciplinari nelle scuole del territorio aderenti al progetto, azioni finalizzate da un lato, alla promozione del vivere civile, della cultura della legalità e della tutela del territorio e, dall’altro, a stimolare interventi volti ad incrementare nei giovani la capacità di scrivere correttamente e di saper leggere criticamente un testo.

Durante questi mesi il progetto ha ottenuto un risultato più che positivo, se si pensa che hanno partecipato attivamente più di mille studenti di Terra di Lavoro, raggiungendo l’obiettivo principale, cioè realizzare una campagna di sensibilizzazione sul territorio provinciale in materia di riciclo e di gestione dei rifiuti e contribuire nel contempo alla formazione di nuovi modi di pensare e nuovi approcci educativi, elementi essenziali utili per affrontare al meglio le sfide che le attuali problematiche ambientali affliggono la collettività nel suo insieme.

Il costo totale del progetto è stato di euro 45.000, di cui 33.000 finanziati dall’Upi e 12 mila dalla Provincia di Caserta, congiuntamente con i partner aderenti. Dopo le molteplici attività di formazione previste in sede progettuale, gli studenti hanno partecipato al concorso “Porta il Sole in Provincia “; gli elaborati presentati sono stati 140, di cui 20 risultano vincitori di una borsa di studio del valore di euro 250 ciascuna.

I primi otto vincitori andranno in viaggio premio a Copenaghen, per visitare il termovalorizzatore di Amager – Coppen Hill, meta, tra l’altro, molto frequentata dagli amanti dello sport, in particolare lo sci, e della natura, in quanto sulla sua copertura è realizzata una discesa lunga che, partendo da un’altezza di 85 metri arriva a livello del terreno, consentendo in tal modo di praticare sci, corse in salita, hiking e passeggiate e, su una porzione dell’involucro esterno, anche la pratica dell’arrampicata all’aperto.

“Sono contento dell’ottimo risultato conseguito da questa iniziativa educativa – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Caserta, Giorgio Magliocca – che ha consentito agli studenti di Terra di Lavoro di avvicinarsi alle problematiche ambientali, imparando ad interagire con il territorio circostante in modo più rispettoso, nel pieno rispetto della cultura della legalità e della tutela dell’ambiente. Infatti, solo partendo dalla consapevolezza di agire in piena e completa armonia e rispetto con la natura, con le sue leggi, con i suoi ritmi, i giovani del territorio potranno custodire nel miglior modo possibile la ricchezza del patrimonio ambientale e culturale di Terra di Lavoro.

In questo spirito stamane – ha concluso Magliocca – sono state consegnate 20 borse di studio con viaggi premi. Sono sicuro che questa iniziativa sarà un primo ed importante passo per un percorso educativo ricco di conoscenze specifiche e di confronto in generale”.