Convegno della LILT Caserta sulla dieta mediterranea e la prevenzione dei tumori

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La LILT Caserta terrà il convegno dal titolo “Il Microbiota, la dieta mediterranea e la salute dell’individuo oggi alle soglie del terzo millennio: gut and beyond nell’ottica del one healt” giovedì 21 dicembre 2023 alle ore 12 presso la Sala Convegni dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta.

La LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) da oltre 100 anni si occupa di prevenzione e per questo può essere considerata quale ente di diritto pubblico su base associativa un caposaldo dell’associazionismo sanitario. La LILT nella sua associazione provinciale di Caserta, oltre a seguire le linee di indirizzo nazionali della prevenzione oncologica in tutte le sue forme, si allinea anche con gli aspetti della ricerca che la LILT nazionale da tempo ha avviato.

glp-auto-336x280
lisandro

Con l’incontro del 21 dicembre a Caserta, in protocollo d’intesa con il Centro Radiologia Morrone – Caserta, Evento formativo n. 1037-399866 per N. 5 Crediti ECM rivolto a: MEDICI CHIRURGHI specialisti in Allergologia e Immunologia Clinica, Gastroenterologia, Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica, Medicina Generale (Medici di Famiglia) Pediatria, Pediatri di libera scelta, Scienza dell’Alimentazione, Dietetica BIOLOGI – DIETISTI cui è possibile iscriversi on line su: www.meetingwords.it, la LILT perfettamente si integra con la visione One Health, ossia un modello sanitario basato sull’integrazione di discipline diverse, dove salute umana, salute animale e salute dell’ecosistema sono legate indissolubilmente con l’obiettivo di condurre alla riduzione dell’insorgenza di patologie non solo oncologiche ma anche immunitarie e cronico degenerative.

La dieta mediterranea, Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO, è un cardine della prevenzione, capace di modulare il microbiota e ridurre l’infiammazione intestinale. Con il passare degli anni l’aderenza alla “vera” dieta mediterranea si è ridotta, per avvicinarsi ad uno stile di vita occidentale, con la presenza di una cattiva alimentazione, l’uso eccessivo di antibiotici, l’inquinamento, lo stress e una vita sedentaria che, inevitabilmente, hanno esposto le persone ad un rischio molto più alto di sviluppare malattie infiammatorie croniche non infettive, incluse le malattie metaboliche, neurodegenerative e del neurosviluppo, autoimmunitarie e tumorali. I pilastri principali della patogenesi di queste malattie sono la predisposizione genetica e i fattori ambientali.

Questo convegno rappresenta un momento di confronto tra riferimenti altamente qualificati del settore nonché la possibilità di nascita di nuovi scenari da attuare sul territorio e trasformare la teoria in concretezza. Il Percorso della Salute continua, si presenta in veste sempre più interessante. La LILT Caserta, grazie alla preziosa direzione della Presidente, Angela Maffeo, con tutto il gruppo dei volontari, una squadra operativa e attenta, crea sempre nuove opportunità di crescita per il territorio, apportare un prezioso contributo e possibilità di nascita di nuovi scenari da attuare sul territorio e trasformare la teoria in concretezza. L’incontro si aprirà con i saluti del Dott. Carlo Manzi, Presidente Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Caserta e delle Autorità che hanno dato il loro patrocinio e interverranno. La Presidente LILT porterà un breve saluto all’avvio e concluderà al termine delle due sessioni con la riflessione da portare a casa e la proposta di nuovi programmi e collaborazioni.

Il Coordinatore regionale LILT, Oto Cusano effettuerà breve presentazione dei relatori della prima sessione che sarà introdotta e moderata da Rosario Cuomo, Direttore UOC gastroenterologia AORN Caserta. Relatori presenti, lo scienziato italo americano Alessio Fasano, Responsabile Gastroenterologia Pediatrica della Harvard Medical School Boston che spiegherà come il nostro microbiota può dettare il bilancio tra salute e malattia e ci aggiornerà sui nuovi e sempre crescenti risultati della ricerca in questo campo; il Prof Ettore Varricchio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Università del Sannio ,che analizzerà Qualità alimentare e salute del microbiota; Mauro Minelli, Università LUM di Bari, che relazionerà su Microbiota e cancro: quando i “commensali” si ammutinano.. Dopo un breve bio break con i grani antichi ed i prodotti del Molino Bencivenga di Alvignano si aprirà la seconda sessione che moderata da Maria Erminia Bottiglieri, responsabile UOSD Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell’ASL Caserta, vedrà la discussione di illustri professionisti del territorio, universitari, ospedalieri e territoriali sulle relazioni tra microbiota e patologia oncologica gastroenterologica.

Discussants sono : Antonietta Gravina, Ricercatore in Gastroenterologia (MED/12) Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”; Donato Iuliano, U.O.C. Gastroenterologia P.O. Marcianise, Asl Caserta; Caterina Mucherino, U.O.C. Gastroenterologia A.O.R.N. Sant’Anna e San Sebastiano Caserta; Michele Orditura, Professore Associato Dipartimento di Medicina di Precisione – Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”; Antonino Puorto, Medico Pediatra; Gabriele Riegler, Direttore U.O.S.D. Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.

La Direzione Scientifica del Corso è stata affidata al componente del Consiglio Direttivo LILT dottor Daniele Grumiro quale biologo specialista in Scienze della Nutrizione mentre il Comitato organizzativo si compone degli specialisti volontari della LILT Caserta.
Provider Meetingwords S.r.l. – Comunicati stampa e video Elena Severino e Gianluca Pota giornalisti.

L’evento è patrocinato dalla Presidenza e dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione CAMPANIA, dalla Presidenza della PROVINCIA DI CASERTA, dalla FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI BIOLOGI, dall’A.O.R.N. SANT’ANNA E SAN SEBASTIANO CASERTA, dalla ASL CASERTA, dall’Ordine dei Medici- Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Caserta, dal Sindaco e dall’Assessorato alla Cultura della Città di Caserta;