Il Convivio di Milano, il mondo della moda a tutela della salute e del benessere pubblico

SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Dopo una pausa di quattro anni riapre, dal 3 al 7 novembre, il Convivio presso la Fabbrica del vapore, uno spazio del comune di Milano destinato alla salvaguardia sociale e culturale della città.

La fiera-mercato del fashion, ideata nel 1992 da quattro grandi protagonisti del mondo della moda mondiale, Gianni Versace, Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè e Valentino Garavani, tra la mondanità del red carpet e della cena di gala, continua a perseguire una forte finalità benefica a tutela della salute pubblica. Gli introiti dello shopping solidale sono infatti devoluti all’ ANLAIDS Lombardia, la prima associazione italiana nata nel 1985 per combattere il virus HIV.

L’evento si svolge come un vero e proprio ‘’convivio,’’ un banchetto che coinvolge personaggi del mondo dello spettacolo, del food e grandi firme della moda italiana, tutti invitati a donare capi griffati ed accessori vari da mettere in vendita a metà prezzo. Una manifestazione molto particolare che vede la partecipazione anche di gente comune che, al di fuori degli élite charity event, è comunque chiamata a sostenere la ricerca sanitaria nella battaglia contro le malattie infettive.

Le parole del presidente dell’ANLAIDS, Andrea Gori, evidenziano i cambiamenti e le novità di questa originale  mostra mercato che celebra i 30 anni dell’atteso evento: ‘’Se da una parte l’HIV rimane la priorità della raccolta fondi di Convivio, dall’altra l’impegno è quello di dare un sempre maggiore contributo alle problematiche legate a possibili futuri eventi pandemici. Convivio si evolve, quindi, guardando a quelle che sono e saranno le sfide più attuali”.

IL successo di questa nuova edizione, promossa da Vogue Italia con lo slogan: ‘’KILL IT WITH FASHION,’’ è veicolato anche attraverso i social che contribuiscono all’elevata diffusione di informazioni e al coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto, amante dello shopping solidale.