Il Coordinamento in difesa delle bufale rinnova l’invito alle forze politiche ad incontrare gli allevatori

Gianni Fabbris
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

“Fino al 9 settembre saremo in ascolto, poi diremo la nostra, pronti alla manifestazione nelle strade:

Si è tenuta ieri a Borgo Appio dalle ore 12.30 alle 13 la Conferenza stampa indetta per fare il punto sulle iniziative della campagna #teladoiolacampagnaelettorale con cui il Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio BUfalino accompagnerà le iniziative fino al 25 settembre.

Il movimento ha rinnovato l’invito alle forze politiche di venire a Borgo Appio per incontrare gli allevatori e rispondere alle domande poste pubblicamente durante le scorse settimane.

glp-auto-336x280
lisandro

Gianni Fabbris portavoce del movimento ha chiarito che questa fase di “Ascolto” si concluderà il 9 settembre prossimo quando il Movimento ha convocato a Borgo Appio una assemblea per valutare le risposte che avrà avuto, gli impegni che saranno stati presi e le proposte che saranno state avanzate dalla forze politiche. Così, pure, saranno valutati i “silenzi e le assenze”.

“Questo è un posto ospitale, la casa degli allevatori è il luogo in cui tutti sono invitati a partecipare e in cui tutti saranno accolti e ascoltati.” ha sottolineato Gianni Fabbris, annunciando che il 9 settembre in assemblea verrà proposto un documento di valutazione e da quel momento la campagna #teladoiolacampagnaelettorale conoscerà un nuova fase: quella in cui gli allevatori diranno la loro e si rivolgeranno direttamente ai cittadini indicando responsabilità e raccontando la verità “perché ognuno si faccia una idea consapevole di quello che sta accadendo al territorio ed a uno dei più importanti settori del patrimonio nazionale agroalimentare,

Intanto il movimento prepara la manifestazione nelle strade che sarà una manifestazione popolare e unitaria con cui si aprirà questa seconda fase e che ha l’obiettivo di chiedere al Ministero degli Interni, al Ministero della Salute e dell’Agricoltura ed al Presidente della Regione Campania l’apertura del tavolo di confr0onto sulle proposte degli allevatori. Sarà una manifestazione “forte e determinata” per chiedere “Democrazia, Rispetto e Dignità” dovuti ad una comunità che chiede da 235 giorni di avere un incontro mentre la politica si ritrae arroccandosi negli slogan e negli annunci roboanti.

In conferenza stampa oggi sono, anche, state annunciate altre due iniziative. La prima è la convocazione il 15 ottobre prossimi di una “convention per la Riforma” aperta a tutti i movimenti, organizzazioni e soggetti democratici interessati a condividere il percorso di confronto con il Nuovo Parlamento chiamato a rispondere sulla questione delle Bufale ma anche e più complessivamente sulla svolta in materia di agroalimentare che tenga al centro gli interessi dei produttori e dei cittadini piuttosto che quelli della speculazione e della finanza.

La seconda è l’annuncio di ulteriori iniziative sul piano legale e di confronto istituzionale a partire dalla richiesta di incontro al Difensore civico Regionale per consegnargli la diffida inviata nelle scorse settimane al Commissario Cortellessa, al Presidente De Luca, all’Assessore Caputo ed al Ministro Speranza perchè voglia valutare l’opportunità di assumerla e inviarla direttamente al TAR ed alla Corte dei Conti oltre che agli organismi europei cui si sta rivolgendo come ha annunciato.