Coronavirus, Legambiente Campania scrive a De Luca: “Occorrono linee guida per evitare l’utilizzo di sanificanti tossici”

Legambiente Campania scrive al Presidente De Luca: “Urgente e necessaria una specifica ordinanza regionale per riportare entro criteri di tutela dell’ambiente e delle persone e di effettiva utilità le operazioni di pulizia messe in atto ripetutamente dai Comuni.

In una lettera indirizzata al Presidente Vincenzo De Luca, all’Assessore all’Ambiente Fulvio Bonavitacola e al presidente regionale dell’Anci, Legambiente Campania per voce del suo presidente Mariateresa Imparato chiede “una specifica ordinanza regionale per la sanificazione degli ambienti dove vengano rispettate le norme in materia di utilizzo di prodotti chimici tossici e vengano recepite le indicazioni tecniche dell’Ispra che, tra le altre cose, sconsigliano fortemente l’uso massivo ed indiscriminato dell’ipoclorito di sodio, per i danni gravi che possono essere arrecati all’ambiente e alla salute umana e riportare entro criteri di tutela dell’ambiente e delle persone e di effettiva utilità le operazioni di pulizia messe in atto ripetutamente dai Comuni“.

Infatti, il tema della pulizia e disinfezione degli ambienti esterni – prosegue nella missiva Mariateresa Imparato – operata anche mediate l’utilizzo di ipoclorito di sodio, è stata oggetto di interesse da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero dell’Ambiente. A tal riguardo, sono di recente pubblicazione le indicazioni fornite dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente relative alla pulizia degli ambienti esterni e dell’utilizzo di disinfettanti nel quadro dell’emergenza del CoViD-19.

La salute dei cittadini è per noi importante e chiediamo che sia fatta mettendo in atto tutte le misure necessarie senza però dimenticare di salvaguardare l’ambiente. Chiediamo alla Regione- conclude il presidente Legambiente Campania – di voler adottare linee guida regionali relative agli aspetti tecnici per la pulizia degli ambienti esterni e l’utilizzo di disinfettanti nel quadro dell’emergenza CoViD-19 con lo scopo di armonizzare, su tutto il territorio, le pratiche di sanificazione“.