Il Cristo deposto di Matteo Bottiglieri, il gioiello più prezioso del Duomo di Capua

Edificata nella seconda metà del nono secolo, durante la dominazione longobarda, e ricostruita quasi interamente negli anni ’50 del novecento in seguito al bombardamento alleato, la chiesa di Santa Maria Assunta è silenziosa testimone di oltre mille anni della nostra storia.

Il Duomo di Capua è uno scrigno di tesori: dall’altare riccamente decorato alla tela dell’Assunta del Solimena.

Il capolavoro più grande, tuttavia, si trova in disparte, laddove sorgeva una cappella detta sacello: il Cristo deposto del Bottiglieri.

Prima di andare all’analisi dell’opera, però, spendiamo qualche parola su un artista  così poco conosciuto.

Matteo Bottiglieri nacque nel 1684 a Castiglione dei Genovesi, nel salernitano, ed ivi morì nel 1757. Fece parte del filone berniniano del barocco napoletano.

Oltre al Cristo deposto, di lui si ricordano il notevole contributo all’abbellimento della guglia dell’immacolata in Piazza del Gesù, a Spaccanapoli, la realizzazione del complesso scultoreo della samaritana, nel chiostro della chiesa di San Gregorio Armeno, e di diverse sculture per l’altare maggiore della chiesa di San Giuseppe Dei Ruffi.

Ora, passiamo al fulcro della nostra trattazione.

Risalente al 1724, Il Cristo deposto è un’opera non solo di straordinaria bellezza, ma anche di grande significato emozionale.

Steso su un freddo basamento di marmo e malcoperto da un sudario, quello del Bottiglieri è un Gesù privo di lirismo, morto, che non ha più nulla da dire: non vi è dinamismo nel suo corpo, il viso si contrae in un’espressione che non è di dolore e neppure di pace, ben lontana dall’estatica sensazione dell’ascesa al cielo.

Eppure è un’opera che non lascia indifferenti, forse proprio per questo. Cristo manifesta in maniera essenziale il significato del proprio sacrificio: farsi uomo e dimostrare la vicinanza di suo Padre all’umanità.

La statua non sprigiona energia, ma lascia l’amaro in bocca di una tremenda disillusione: è questo il figlio di Dio? Costui è il Salvatore? E non riesce a fuggire la morte?

Non è così: l’umano dolore di Gesù servirà a rendere ancora più trionfale il proprio trionfo sulle forze del male. Il Cristo deposto del Bottiglieri è un pugno in faccia, ma che lascia intravedere un barlume o, perchè no, un oceano di speranza.

Se lo volessimo paragonare ad un’opera dello stesso tema, calzante sarebbe il parallelo con Il compianto sul Cristo morto del Mantegna, dove protagonista è un Gesù segnato, dai piedi sporchi.

Per quanto riguarda la tecnica, invece, la statua più indicata per un confronto è il Cristo Velato di Giuseppe Sammartino, risalente al 1753 e conservato nella Cappella San Severo, nel cuore di Napoli.

Probabilmente la scultura del Bottiglieri non raggiunge l’apoteosi tecnica dell’opera del Sammartino, ma forse ne ispira lo scalpello, offrendosi come modello per quanto riguardo la magistrale resa delle pieghe della sindone.

Riguardo l’impatto, invece, le due opere non potrebbero essere più diverse: da una parte il disincanto e la concretezza della morte di un uomo, dall’altra la miracolosa leggerezza di un velo che sembra trasparente, pronto per essere squarciato dall’immane ascesa di Cristo, pronto a ricongiungersi con il Padre e con la perfezione del cosmo. E forse la chiave di lettura di entrambe le statue risiede nella differente resa del sudario: da un lato una sindone posta alla rinfusa, a coprire lo scempio arrecato al corpo di un uomo buono, dall’altro un lenzuolo evanescente, effimero, proprio come la venuta di Gesù sulla terra, primo passo del grande progetto del Padre.

Loading...