Cultura: la Giunta di Caserta approva il progetto “Suggestioni medievali e rinascimentali in Terra di Lavoro e nei suoi musei”

Casertavecchia
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta – La Giunta Comunale ha approvato un progetto del Sistema Museale Terra di Lavoro intitolato “Suggestioni medievali e rinascimentali in Terra di Lavoro e nei suoi musei” e una richiesta di contributo alla Regione Campania nell’ambito di un bando dedicato al sostegno dei musei e delle raccolte museali di enti locali e di interesse locale. Il progetto interessa tutti i Comuni che, con le loro istituzioni museali, fanno parte del Sistema Museale Terra di Lavoro, ovvero Caserta, Maddaloni, Mondragone, Piedimonte Matese, San Nicola La Strada e San Pietro Infine.

Obiettivo dell’iniziativa è aumentare le conoscenze del pubblico sul periodo medievale e rinascimentale, in particolare attraverso le bellezze paesaggistiche e naturali, le produzioni agro-alimentari, culinarie, scientifiche e tecnologiche. Inoltre, l’attività di promozione territoriale proseguirà raccontando le storie, i monumenti, gli ambienti, i sapori e le musiche dell’epoca e accompagnando le persone nella riscoperta di testimonianze medievali e rinascimentali nei musei locali.

glp-auto-336x280
lisandro

Il progetto intende anche educare al patrimonio e alla cittadinanza attiva i giovani studenti, nonché formare alla schedatura partecipata del patrimonio docenti e studenti e offrire esperienze innovative di visita nei musei della città di Caserta e in quelli dei Comuni che fanno parte del Sistema Museale Terra di Lavoro.

“Lo scorso anno – ha spiegato l’Assessore alla Cultura, Enzo Battarra abbiamo presentato un progetto dedicato al genio di Luigi Vanvitelli, che è in corso di svolgimento nell’ambito delle celebrazioni vanvitelliane nella nostra città. L’iniziativa che verrà realizzata l’anno prossimo, invece, intende riscoprire e studiare le origini medievali della città di Caserta ma anche degli altri Comuni che sono compresi nel Sistema Museale Terra di Lavoro”.