“Cyber bulli? No, artisti!” Al liceo Artistico di San Leucio giovani e Istituzioni a convegno

Dopo una settimana di incontri con allieve e allievi del Liceo Artistico “San Leucio”, sabato prossimo saranno  le istituzioni e i massimi esperti del settore a raccontare il cyber-bullismo ai ragazzi nel corso del convegno “Cyber bulli? No, artist!”.

Un problema grave e trasversale al quale l’istituto diretto da Immacolata Nespoli ha dedicato un’intera settimana di riflessione e interazione tra professori e studenti coinvolti e stimolati alla creazione di opere d’arte che rappresentassero le dinamiche che si innescano nel web.

E proprio da queste attività ha preso il nome il convegno di sabato per lanciare messaggi “forti” agli osservatori.

Il Webinar interattivo “Bulli con un click” ha avuto come finalità l’analisi di caratteristiche, luoghi e tipologie del cyber-bullismo, le dinamiche relazionali e psicologiche dei protagonisti, i campanelli di allarme e strategie di difesa.

L’attività rientra tra le iniziative promosse dal Safer Internet Centre per il mese della sicurezza in rete attivate dalle singole scuole sul territorio e promosse a livello nazionale».

Il convegno è patrocinato dalla Regione Campania, dall’Università “Luigi Vanvitelli” – Dipartimento di Giurisprudenza, dalla Città di Caserta, dall’associazione “Liberi Orizzonti” e da LexLink.

A convegno porteranno i loro saluti le autorità scolastiche e politiche: la direttrice dell’USR Campania Luisa Franzese, l’assessora regionale Lucia Fortini, il vicesindaco di Caserta Francesco de Michele, l’assessora comunale Lucia Monaco.

Interverranno in veste di relatrici e relatori: Elena Ferrara, Senatrice della Repubblica e prima firmataria della Legge 71/17 di contrasto al fenomeno cyber-bullismo, voluta per prevenire o recuperare le degenerazioni di un uso scorretto di Internet, soprattutto tra gli adolescenti; Anna Papa, Professore Ordinario del Dipartimento di Studi Economici e Giuridici dell’Università Degli Studi di Napoli Parthenope di cui la ultima pubblicazione dal titolo “Espressione e diffusione del pensiero in internet”; Guido Scorza, avvocato, componente del Collegio Del Garante della Protezione dei Dati, Autorità che porta avanti da tempo la lotta contro il cyber-bullismo proponendo l’educazione all’uso della Rete in famiglia e a scuola fin dalla prima elementare; Emilio Tucci, docente di Informatica del Diritto del Dipartimento di Giurisprudenza della Università degli Studi della Vanvitelli che si occupa di Cyber law e diritto delle nuove tecnologie; Amalia Rodontini, docente del dipartimento di psicologia che da anni è legata al Liceo infatti in quanto collaborò con la Professoressa Boldri nell’ideazione di un progetto sperimentale su queste tematiche; la Polizia Postale che riveste un ruolo fondamentale nella lotta all’utilizzo improprio del web e del contrasto al cyber-bullismo.