Dal 28 giugno la mascherina non sarà più obbligatoria all’aperto. Quando bisognerà ancora indossarla?

Da lunedì 28 giugno in tutta Italia non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. La notizia è stata confermata oggi in seguito al parere positivo del Cts (Comitato tecnico scientifico) anche se manca ancora la ratifica formale del Governo.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza lo ha annunciato stamattina con un post su Facebook: “Sarà superato l’obbligo, sempre nel rispetto delle indicazioni precauzionali del Cts“.

Durante la riunione di ieri pomeriggio, gli scienziati si sono trovati d’accordo sulla bassissima circolazione del virus quando si sta all’aperto e per questo non hanno avuto dubbi sulla possibilità di togliere la mascherina già dalla prossima settimana. Venerdì 25 l’Istituto superiore di sanità (ISS) esaminerà il nuovo monitoraggio settimanale, se non ci saranno particolari criticità arriverà il via libera definitivo con un decreto del governo.

L’obbligo, ad essere precisi, decade solo in zona bianca ma da lunedì 28, con l’uscita della Valle d’Aosta dalla zona gialla, tutto il Paese sarà nel livello di rischio minimo. Gli indicatori dell’ultimo mese consentono di prevedere che difficilmente ci saranno peggioramenti della situazione epidemiologica nel corso dell’estate.

Tuttavia la presenza delle varianti del virus, nonché la possibilità – almeno teorica – che qualche regione torni in zona gialla, suggeriscono comunque una certa cautela. Infatti sia il Cts che il comune buon senso suggeriscono una serie di precauzioni che potrebbero essere inserite nel decreto che sarà firmato nei prossimi giorni.

In pratica sarà comunque necessario portare sempre con sé la mascherina perché, non soltanto al chiuso, saranno molte le situazioni in cui sarà necessario (obbligatorio) indossarla:

Seduti al tavolo di bar e ristoranti, come già accade, non sarà necessario indossare la mascherina ma bisognerà farlo se ci si alza per andare alla toilette oppure alla cassa ed anche per entrare o uscire dal locale. Il personale, invece, dovrà continuare ad indossare sempre la mascherina anche all’aperto;

Naturalmente rimarrà obbligatoria la mascherina all’interno dei negozi e nei centri commerciali, così come negli uffici pubblici, ospedali ed ambulatori;

Anche all’interno dei mezzi pubblici di ogni categoria (aerei, treni, navi, autobus ed anche taxi) continuerà ad essere obbligatorio il dispositivo di protezione;

Forse decadrà l’obbligo della mascherina al chiuso nei contesti in cui i presenti sono tutti vaccinati;

Anche rimanendo all’aria aperta, in alcune circostanze, occorrerà indossare la mascherina: “nei contesti in cui si creino le condizioni per un assembramento” come prescrive il Cts. Ad esempio fiere e mercati, quando si è in fila per pagare il biglietto al cinema oppure alla fermata dei mezzi pubblici, ovunque non ci sia spazio per mantenere il distanziamento.