“Dantedì” in ricordo del Sommo Poeta: anche a Caserta il 25 marzo le celebrazioni promosse dal Mibact

Anche a Caserta verrà celebrato mercoledì 25 marzo il “Dantedì”, deciso dal Ministero per i Beni Culturali e il Turismo in vista della ricorrenza dei 700 anni della morte di Dante Alighieri coincidente con il 2021, in maniera da dedicare così un intero anno di eventi culturali al ricordo del sommo poeta.

Tra i promotori dell’appuntamento casertano il Liceo Classico Giannone  con l’Associazione ex-allievi, la Storia Patria, il Seminario di Studi, il Comitato della Società “D. Alighieri”, l’Assostampa.

E’ stato difatti costituito nel capoluogo un apposito Comitato che fa riferimento ad alcune Associazioni culturali e, dal punto di vista scolastico, al Liceo Classico “Pietro Giannone” che, da sempre, è stata la culla della cultura dantesca in quanto sede “storica” del Comitato della Società “Dante Alighieri”, presieduto da capi di istituto e docenti del prestigioso Liceo.

La riunione costitutiva del Comitato, svoltasi nei giorni scorsi, ha visto la presenza di Marina Campanile, dirigente scolastico del “Pietro Giannone”, Giorgio Iazeolla, presidente dell’Associazione ex allievi del Giannone, Marcello Natale, attuale presidente del Comitato provinciale Dante Alighieri, Alberto Zaza d’Aulisio, presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, Michele De Simone e Franco Tontoli, presidente e vice presidente dell’Assostampa di Terra di Lavoro, Giuseppe de Nitto e Gianpaolo Iaselli per il Seminario di Studi danteschi della Società di Storia Patria, Vincenzo Rossi, presidente del Gruppo Giovanile casertano del Comitato provinciale della Dante.

Sono state tracciate le linee guida delle attività che, anche in sinergia con l’Università Vanvitelli, dove già si è svolta una  riunione con i rappresentanti di numerosi Istituti superiori di Caserta e provincia, prenderanno il via appunto nel “Dantedì 2020”, e cioè il prossimo mercoledì 25 marzo, con una manifestazione in programma nell’aula magna del Liceo Giannone.

L’incontro vedrà l’intervento di un eminente studioso per una prima “lectio magistralis” e la illustrazione del programma di attività in calendario, nelle scuole superiori e nella comunità socio-culturale, nell’anno dedicato all’autore della Divina Commedia.

Ovviamente il Comitato, oltre ad essere aperto ad altre collaborazioni, opererà in sinergia con le istituzioni, in primis Scuola, Comune, Università, Confindustria, Camera Commercio, e le associazioni di cittadinanza attiva.