David Le Bailly a Casertavecchia venerdì 17 per Un Borgo di Libri Off

Caserta – David le Bailly, scrittore e giornalista d’inchiesta francese in forza attualmente all’«Obs», uno dei maggiori settimanali transalpini, sarà domani, venerdì, a Casertavecchia, nella protocattedrale, dalle 20, per uno degli appuntamenti «Off» del cartellone di «Un Borgo di Libri», il festival letterario e di cultura nel borgo medievale.

Quegli appuntamenti in pratica non inseriti nel cartellone ufficiale ma che caratterizzano fin dall’inizio il festival per la specificità degli ospiti: stranieri o di chiara fama. Le Bailly arriva a Casertavecchia per parlare de «L’Autre Rimbaud» e delle sue esperienze professionali, dialogando con Maria Giovanna Petrillo, docente di lingua e letteratura francese all’Università Parthenope di Napoli; e Luigi Ferraiuolo di «Un Borgo di Libri».

La sua visita è stata propiziata grazie alla collaborazione con il Consolato di Francia e l’Istituto Grenoble di Napoli, con il sostegno della Società dei Francesisti italiana, la Sidef; il Dottorato in Eurolinguaggi dell’Università Parthenope, la protocattedrale di Casertavecchia e la locale proloco.

David le Bailly

Dopo aver lavorato nella stampa economica (L’AGEFI, La Tribune), David Le Bailly è entrato a far parte della redazione di Paris Match nel 2002. Specializzato in inchieste, si è occupato delle vicende Bettencourt, Karachi e Cahuzac. Ha anche condotto interviste con Roberto Saviano, Mohamed El Baradei, Julian Assange, Boris Berezovsky o Marina Silva.

Nel2014 ha pubblicato il suo primo libro, «La captive de Mitterrand» romanzo-inchiesta su Anne Pingeot, compagna ombra di François Mitterrand da più di trent’anni. Questo lavoro gli è valso il «Prix Roger Nimier» e il «Prix Bernard-Mazières» du livre politique. Nel 2014 lascia «Paris Match» per entrare nella redazione de «L’Obs».

Ha pubblicato diverse inchieste, ma anche veri e propri rapporti sulla Francia, dopo gli attentati islamici del2015. Il suo ultimo servizio per il settimanale francese, uscito giusto ieri, 15 settembre, riguarda una lunga inchiesta sul poeta Cèline e la sua figura spesso dimenticata in Francia.

Un Borgo di Libri è promosso dagli assessorati alla cultura e ai grandi eventi del Comune di Caserta.