De Luca: “Ancora preoccupazioni per Astrazeneca ma in Campania sono state vaccinate già 140mila persone”

Covid, la Campania è la prima Regione ad esaurire le fiale di vaccino ricevute

Sulle scuole: “Faremo di tutto per riaprirle appena possibile, ma in condizioni di sicurezza”

Abbiamo verificato la possibilità di vaccinare i ragazzi sopra i 16 anni – ha detto De Luca – questo avrebbe consentito di aprire le scuole. Ma va bene solo il vaccino Pfizer, le dosi sono limitate e servono per pazienti fragili e personale sanitario”.

Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha comunicato i punti e i provvedimenti da prendere per i prossimi giorni per affrontare la pandemia, nel corso della diretta Facebook del venerdì.

“Riprendiamo anche in Campania la campagna di vaccinazione con Astrazeneca –  ha confermato il governatore –  Qui già 140mila persone hanno ricevuto una dose AstraZeneca, 120mila tra il personale della scuola e 20mila tra le forze dell’ordine. Non abbiamo avuto effetti di particolare rilievo. Dunque, dobbiamo procedere. So che ci sono ancora preoccupazioni, ma dobbiamo procedere usando la ragione“.

Poi De Luca si è soffermato sul mercato nero dei vaccini in Campania:

“Ho mandato ieri una lettera al commissario Figliuolo perchè abbiamo subito il mercato nero dei vaccini. La Campania deve avere 106mila vaccini che, rispetto alla popolazione, non sono stati dati. Quindi, ho chiesto al commissario e al ministro Speranza di ripristinare ad aprile una distribuzione equa dei vaccini. La popolazione campana rappresenta il 9,6% della popolazione italiana, allora dobbiamo avere il 9,6% dei vaccini. In Campania arrivano migliaia di dosi in meno. Stiamo lavorando per procurarcele da soli”.

Infine l’invito ad una ancora maggiore cautela e responsabilità sul territorio regionale: “Qualche area di irresponsabilità permane. Dobbiamo stare attenti, siamo la regione più a rischio perché abbiamo la maggiore densità abitativa di Europa: e questo facilita la trasmissione del contagio”.