Il Decameron di Boccaccio in uno spettacolo itinerante a Casertavecchia il 29 e 30 giugno

La Compagnia La Mansarda Teatro dell’Orco, direzione artistica Roberta Sandias,  presenta la II Edizione  dello  spettacolo itinerante “L’Umana Commedia – Il Decameron nei luoghi di Pasolini”, per la drammaturgia di Roberta Sandias  e la regia di Maurizio Azzurro.

Il Decameron di Giovanni Boccaccio, capolavoro indiscusso e pietra miliare della letteratura Italiana, viene proposto in una riduzione teatrale di alcune novelle selezionate accuratamente, idonee ad un pubblico di ogni età, privilegiando quelle di carattere comico- popolare che ben si prestano ad una messa in scena itinerante, nel pieno spirito del teatro popolare “a stazioni” proprio delle rappresentazioni medioevali.

Lo spettacolo itinerante  “L’Umana Commedia – Il Decameron nei luoghi di Pasolini“, con il patrocinio dell’Ente Nazionale Boccaccio e il Comune di Caserta, avrà luogo nei giorni  Sabato 29 e  Domenica 30 giugno 2019, a partire dalle 19,30 il sabato e dalle 17,30 la domenica , nel borgo di Casertavecchia, dove già nel 1971 Pier Paolo Pasolini girò alcuni episodi del suo memorabile Decameron cinematografico.

Attori musicisti accompagneranno il pubblico, che assisterà alla drammatizzazione di alcune delle più celebri novelle del capolavoro del Boccaccio: Fra Cipolla, Peronella e la Botte, Lisabetta da Messina e Masetto da Lamporecchio.

Intorno alle incursioni teatrali, “protette”  in luoghi segreti quali la Chiesa dell’Annunziata, il Cortile del Duomo, ed altri suggestivi angoli del Borgo, nelle strade di Casertavecchia,  figuranti in costume, giullari e musicisti immergeranno il pubblico convenuto in una suggestiva atmosfera evocativa.

Tra i gruppi presenti I Guardiani dell’Oca da Guardiagrele (Chieti) e il Gruppo Vocale Strumentale e Danza  “Ave Gratia Plena“.
Come sempre, numerose collaborazioni con le realtà del territorio: la Proloco Casertantica, il Teatro Civico 14 e il Centro di Volontariato Giovanile della Protezione Civile.

“Rappresentare le novelle di Giovanni Boccaccio in una location suggestiva come Casertavecchia- dichiara la direttrice Roberta Sandias – è una operazione che coniuga teatro, letteratura e storia dell’arte.  E’ un ‘operazione di alta valorizzazione di un sito che si presta meravigliosamente ad essere scenografia naturale per un contenuto altamente compatibile con la natura del luogo, un connubio perfetto di sicuro impatto”.