A digital Decameron: un tetrafarmaco per la quarantena da Coronavirus

Quarantena - A digital Decameron

Molti di noi, durante questo lunghissimo periodo di quarantena, hanno imparato ad apprezzare di più le piccole cose, i piccoli momenti, cose a cui prima non prestavamo attenzione e che adesso sono una parte integrante del nostro quotidiano.

C’è chi ha imparato a cucinare, chi a conoscere una nuova lingua, chi a gestire meglio i rapporti umani, chi ha migliorato il suo allenamento fisico, chi è riuscito a dedicare più tempo alla sua passione, ai suoi cari, chi adesso presta più cura a se stesso, chi fa più attenzione ai dettagli, fondamentali per fare bene qualcosa, ottenere risultati e sentirsi gratificati.

Di sicuro, però, la cosa che molti di noi non si rendono conto di aver guadagnato davvero è il tempo. Sì, il tempo. Perché avere tanto tempo a disposizione ci può aiutare a crescere, a migliorare, a pensare meglio, a trovare più soluzioni ai nostri problemi e a leggere magari qualche libro in più che prima non riuscivamo nemmeno a comprare perché correvamo in continuazione. Avevamo sempre fretta.

Ebbene, adesso il tempo c’è. Tantissimo. E parte di esso può sicuramente essere speso, ad esempio, con la lettura di un libro particolare, nato dalla mente di Vincenzo, un ragazzo di Caserta che, la sera del 9 Marzo, ebbe l’idea insieme ad altri tre amici, Greta, Gaetano e Michele, alcuni di loro provenienti da altre città d’Italia, durante il discorso del Presidente del Consiglio Conte, che decretò l’inizio del lockdown a partire dal giorno seguente.

Proprio qualche giorno prima, i quattro amici avevano pensato di passare qualche giorno nella casa in montagna di uno di loro, riprendendo un po’ l’idea dei personaggi del Decameron del poeta e scrittore Giovanni Boccaccio, che si allontanarono da Firenze per via della peste, rifugiandosi su di una collina, scrivendo e raccontando a turno cento novelle.

Il concept, dunque, era quello di creare un insieme di brevi storie che avrebbero poi formato un unico testo narrativo. La peculiarità, però, era che esso dovesse essere disponibile, oltre che in forma cartacea, in forma digitale, in modo tale che chi non potesse uscire di casa, avrebbe potuto leggerlo comodamente sul divano. Da qui il titolo “A digital Decameron”, un modo per creare un nesso tra il mondo trecentesco di Boccaccio e i giorni nostri.

Qual è il bello? E’ che chiunque vi può partecipare, persone da ogni estrazione e professione, anche un bambino, e che le tematiche trattate possono vertere su qualsiasi tema, che sia avventura, amore, speranza, realtà, e su qualunque tipologia di argomento, che sia il rapporto avuto in questi giorni con la propria famiglia o lo smart working, lo studio per un esame o per un’interrogazione o la cura della propria casa, il fare la spesa o portare a spasso il cane con un entusiasmo mai avuto prima. Storie da ogni parte d’Italia per tutti. Ogni capitolo un solo autore, con le proprie sfumature e il proprio linguaggio.

Un’idea innovativa, singolare. Per certi versi geniale. Un modo per sentirci più uniti in queste settimane di solitudine (per la maggior parte di noi) e per sentirci partecipi di qualcosa, di un progetto che mira ud una socializzazione digitale e ad una sorta di brainstorming di idee e racconti di vita quotidiana.

Ma l’idea più brillante dei quattro ragazzi è stata di voler donare interamente in beneficenza il ricavato dalla vendita del libro alla Onlus Banco Alimentare, attraverso una campagna crowdfunding sul sito di Eppela, una piattaforma italiana di raccolta fondi, che terminerà il 20 maggio.

Il progetto è stato pubblicizzato via social, tramite Facebook e Instagram (creando anche un apposito filtro) e sulla piattaforma musicale Spotify, grazie ad un podcast di Campania Felix, un concept creato da Alessio e Carlo, altri due amici dei quattro ragazzi.

Di seguito i link:

Pagina Facebook:  https://www.facebook.com/digitaldecameron/

Pagina Instagram: https://www.instagram.com/digitaldecameron/

Podcast Spotify: https://open.spotify.com/episode/5pzsxzUK5lBQ4zw6tvEPMe

 

Dalla pagina di “A digital Decameron” su Eppela

Di cosa si tratta

Nel marzo del 2020 il mondo ha deciso di porci davanti a una sfida enorme: la Quarantena.

Ci ha chiuso in casa soli con le nostre ansie, le nostre paure ed il nostro stress. Ma anche con i nostri dolci ricordi, i nostri ambiziosi sogni e le nostre tenaci speranze.

Questo progetto ha lo scopo di raccogliere il meglio di questi pensieri e rilegarli in un libraccio, per raccogliere bellezza anche in un contesto così difficile. E con questa bellezza assicurare cibo alle fasce più deboli della popolazione e più colpite dalla crisi economica post crisi sanitaria.

Nella noia tanto rifrigerio già mi porsero i piacevoli ragionamenti d’alcuno amico e le sue laudevoli consolazioni, che io porto fermissima opinione per quelle essere avenuto che io non sia morto.”  (Giovanni Boccaccio)

Abbiamo chiesto a chi si sentisse di raccontare qualcosa, di farlo.

In questo libro troverete l’insieme di storie di amore, di sofferenza e di gioia scritte da tutti e per tutti. Ogni capitolo ha un suo autore, con il suo linguaggio e le sue metriche, un tema, ed  una sfumatura di vita diversa da mostrare. L’unico filo conduttore è la Quarantena.

È la Quarantena che ci ha posto su un divano a pensare.

È la Quarantena che ci ha condotti sulla scrivania a scrivere.

È la Quarantena che ha innescato i nostri ricordi e ispirato i nostri sogni.

Inoltre, ogni capitolo sarà presentato da una grafica personalizzata, che con tutta la sua potenza comunicativa darà inizio all’immersione nei racconti.

 

Cosa Vi Chiediamo

Questo libro nasce per alleviare l’anima e i pensieri di chi ce la fa e di chi ha bisogno di noi per farcela.

Questo contesto mette alla prova le menti dei pensatori e le pance di chi fa fatica a permettersi un pasto. Con il vostro contributo potete aiutare entrambi.

In cambio di un esiguo gesto riceverete subito l’anteprima digitale del libro “Quarantena – A digital  Decameron”, per poi ricevere, appena terminata, l’elaborazione completa. Quest’ultima potrà essere sia digitale che cartacea.

Tutti i proventi di questa iniziativa saranno destinati alla Onlus “Banco Alimentare” che aiuterà i più indigenti ad avere un pasto in questo periodo di stress economico.

Al raggiungimento del nostro Target Budget, abbiamo in mente contenuti extra e idee aggiuntive.

Crediamo nella vostra partecipazione per renderle vive.

 

Volete Raccontare la Vostra Storia?

Pensiamo di aver raccolto bellissime storie e pensieri, ma siamo sicuri che ci sia ancora spazio per qualcosa.

Per chiunque si senta di avere una storia da raccontare basta inviarla a QuarantenaDigitalDecameron@gmail.com e tenere a mente queste brevi direttive:

La storia può essere reale o inventata

Non ci sono vincoli di lunghezza o linguaggio

Anche il tema è libero, esso può spaziare dall’amore al lavoro, passando per la politica, lo sport e così via.

L’elemento comune è che tutte queste storie sono innescate dalla quarantena. È la quarantena che ci ha portato ad elaborare il pensiero.

E se questa potesse essere più di una raccolta fondi?

L’idea di questa raccolta è stata innescata dalla quarantena. Abbiamo pensato che molti di noi hanno sempre avuto la voglia di raccontare qualcosa, ma che per mancanza di uno stimolo o di tempo non ci siano mai riusciti.

 

E se questa potesse essere più di una raccolta fondi?

Non abbiamo la presunzione di elevarci a professionisti editori. Ma se tra di noi ci fossero storie e penne davvero eccezionali?

Sarebbe l’occasione buona per scoprirlo. La scrittura e la lettura sono tra i passatempi che dovremmo riportare alla luce.

Speriamo che questo Decameron possa dar vita a dei dibattiti, dei pensieri o magari ad una nuova Community.

Quando la Quarantena sarà finita, speriamo, tramite questo progetto, di aver contribuito a riportare normalità alle vite di chi combatte tutti i giorni per avere un pasto caldo.

Mettiamo avanti e condividiamo le nostre idee e i nostri sentimenti per non lasciarci nessuno indietro.

 

Ricompense

5 € Il Libro – Versione Digitale

(In settimana: Preview digitale dei primi 3 capitoli Inizio Maggio: la versione digitale di Quarantena- A Digital Decameron)

Scegliendo questa opzione si riceverà la versione digitale del libro, che ha un costo di 5 euro. Nella pagina che vi si aprirà, sarà possibile modificare l’importo. Ogni Euro offerto in più verrà devoluto alla Onlus del Banco Alimentare.

12 € Libro – Versione Cartacea + Digitale

(In settimana: Preview digitale dei primi 3 capitoli Inizio Maggio: la versione cartacea+digitale di Quarantena- A Digital Decameron)

Scegliendo questa opzione si riceverà la versione cartacea del libro, che ha un costo di 12 euro. Nella pagina che vi si aprirà, sarà possibile modificare l’importo. Ogni Euro offerto in più verrà devoluto alla Onlus del Banco Alimentare.

22 € 2 Libri – Versione Cartacea + Digitale

(In settimana: Preview digitale dei primi 3 capitoli Inizio Maggio: 2 edizioni di la versione cartacea+digitale di Quarantena- A Digital Decameron)

Scegliendo questa opzione si riceveranno 2 versioni cartacee del libro, che hanno un costo di 22 euro. Nella pagina che vi si aprirà, sarà possibile modificare l’importo. Ogni Euro offerto in più verrà devoluto alla Onlus del Banco Alimentare”.