Cgil, Cisl e Uil dicono sì al nuovo modello organizzativo sanitario. Si parte da Aversa

Cgil, Cisl e Uil dicono sì al nuovo modello organizzativo sanitario. Si parte da Aversa
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Cisl Fp Caserta, al distretto di Aversa una riorganizzazione sperimentale delle attività assistenziali

Il processo di riorganizzazione territoriale prevede la nascita e il potenziamento di nuove strutture intermedie: Case di Comunità, Ospedali di Comunità, Hospice, COT

“Queste alcune delle ragioni che ci inducono a fare delle scelte coraggiose di cambiamento della domanda sanitaria. Meno liste di Attesa, “presa in carico del paziente” con il medico di famiglia” prestazioni ambulatoriali infermieristico e cure domiciliari , decentramento dei codici bianchi a livello territoriale così facendo si contrasta il sovraffollamento negli ospedali ed il sovraccarico dei pronto soccorso”.

glp-auto-336x280
lisandro

Le scriventi OO.SS. di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL provinciali di Caserta, apprendono da più giorni sulla stampa, che è in corso una vivace discussione sulla riorganizzazione sperimentale che a breve avrà inizio nel territorio del Distretto 17/19 di Aversa.

Riorganizzazione delle attività distrettuali, che è prevista dall’atto aziendale di Caserta, dal Decreto Ministeriale n. 77 del 23 maggio 2022 e dalla delibera aziendale ASL CE n. 409 del 13/03/2024.

Una rimodulazione delle attività assistenziali che ha come obiettivo primario mettere al centro dei servizi l’utente, i suoi bisogni, le sue richieste e le sue aspettative di salute.
Riassetto, che determinerà anche un decentramento dei servizi assistenziali, dalle Strutture sanitarie, verso il domicilio dell’utente.

Processo di riorganizzazione territoriale, che prevede anche la nascita e il potenziamento di nuove strutture intermedie: Case di Comunità, Ospedali di Comunità, Hospice, COT e altro ancora, tutto finalizzato ad intercettare il bisogno di salute della gente e ad evitare accessi impropri in Pronto Soccorso.

Obiettivi ambiziosi, ne siamo consapevoli, che senza adeguate strutture, risorse e tecnologie, è impossibile da realizzare. Non per questo bisogna arrendersi e non provarci.
Noi crediamo che proprio una sperimentazione gestionale guidata e controllata (come quella che si sta mettendo in atto presso il Distretto 17/19 di Aversa, ci potrà dare il senso della fattiva realizzazione.

Ricordiamo, che presso il Distretto 17/19 di Aversa, è possibile sperimentare questo nuovo modello organizzativo dell’assistenza, perché recentemente si sono fusi, su disposizioni regionali e aziendali, i due preesistenti Distretti n. 17 di Aversa e n. 19 di Lusciano.
Questa fusione ha permesso un recupero di unità di personale che in parte parteciperà a questa sperimentazione gestionale.

È chiaro che ogni processo di cambiamento ha i suoi ostacoli, imprevisti e limiti. Noi abbiamo più volte affrontato l’argomento con i vertici aziendali, ne abbiamo condiviso in toto la sperimentazione, ovviamente con le dovute riserve rispetto a risorse, strutture e tecnologie.

Riteniamo che ogni processo di cambiamento ha bisogno dei suoi tempi, e su questo progetto si sta discutendo da novembre 2023, ma adesso che siamo alla fase applicativa c’è necessità di monitorare con attenzione tutti i passaggi.

Il personale deve essere coinvolto nelle scelte, i sindacati devono potersi confrontare per migliorare i processi e l’utenza deve trovare utilità e miglioramenti nella qualità dell’assistenza. Noi ci siamo per ogni utile confronto.

Proveremo, come sempre, a rappresentare le istanze dei lavoratori e gli interessi legittimi dei cittadini.

Firmato: le Segreterie Provinciali di
FP CGIL – CISL FP – UIL FPL
C. Vettone N. Cristiani M. Falco