DOC- Nelle tue mani: la vera storia del dottor Amnesia

DOC- Nelle tue mani

DOC, la serie tv che sta ottenendo tanto riscontro di pubblico, tornerà sullo schermo giovedì 16 aprile per l’ultima puntata di questa prima messa in onda. In realtà non si tratta dell’episodio conclusivo, perché le misure restrittive, causa CoronaVirus, hanno comportato la sospensione delle riprese. Dobbiamo perciò attendere l’ autunno per scoprire l’epilogo di questa avvincente storia.

Per chi non ha avuto modo di guardare gli episodi precedenti è consigliabile visionarli su Rai Play: non si può perdere un racconto così avvincente in un momento storico in cui tutti celebrano l’eroismo dei medici e di tutto il personale sanitario. Mai come in questo caso la Rai ha fatto la scelta vincente mandando in onda la serie al momento giusto.

Pierdante Piccioni
Pierdante Piccioni

Doc-Nelle tue mani è ispirato alla storia del primario Pierdante Piccioni che, a causa di un incidente che gli ha compromesso la funzione dell’ippocampo, perde 12 anni di memoria: non ha nessuna conoscenza dei progressi della medicina e della tecnologia avvenuti in quell’ultimo decennio e il suo ultimo ricordo personale riguarda il figlio di otto anni che ha accompagnato a scuola.

Da qui comincia una lunga fase in cui il medico cercherà il modo migliore e più veloce per recuperare la memoria.

Protagonista è Luca Argentero, nella fiction Andrea Fanti, l’attore torinese che ha subito convinto il dott. Piccioni sia per la somiglianza fisica che per la forza con cui ha portato in scena un personaggio a tratti contrastante: severo e arrogante, al punto da meritarsi da parte dei giovani specializzandi l’appellativo di “principe bastardo,” ma anche un uomo dotato di profondi valori umani.

Questa serie tv sta interessando tante famiglie che ogni giovedì si riuniscono davanti alla televisione nel tentativo di completare l’intricato puzzle che sottende la vita e l’ identità del medico.

Rispettiamo tutti le misure restrittive a salvaguardia della salute pubblica e aspettiamo impazienti le nuove puntate autunnali, sperando di poterle commentare seduti serenamente fuori un bar o in un qualsiasi luogo di ritrovo.