Donne e figli vittime di violenza, la Regione Campania programma interventi per tre milioni di euro

La Regione Campania ha programmato interventi in materia di prevenzione e contrasto alla violenza nei confronti delle donne e dei loro figli, anche diversamente abili, e degli orfani delle vittime di femminicidio.

L’intento è fornire un supporto concreto e adeguato alle vittime nel difficoltoso percorso per la fuoriuscita dal circuito della violenza: in particolare, si dispone l’erogazione di voucher spendibili per interventi finalizzati all’inserimento ed all’inclusione socio-lavorativa dei beneficiari, nonché al conseguimento dell’autonomia ed indipendenza, anche in relazione al bisogno abitativo delle donne vittime di violenza.

Si promuovono due distinte linee di intervento, A e B. La prima vanta uno stanziamento di oltre 2, 5 milioni di euro; la seconda dispone di 450mila euro.

La LINEA A prevede l’assegnazione di un voucher, di importo massimo di € 6.000, a copertura totale o parziale delle spese sostenute in relazione alla necessità di sostegno abitativo; di formazione e reinserimento lavorativo attraverso corsi di istruzione e formazione e accompagnamento della donna nel percorso di fuoriuscita dalla violenza.

La LINEA B dispone di un voucher, di importo massimo di € 2.500, sempre a copertura totale o parziale per le spese sostenute relative agli interventi cui fa riferimento la legge regionale 34/2017, ovvero in favore dei figli delle donne vittime di violenza.

Tale contributo, per ciascun figlio, può essere impiegato per interventi per il completamento del percorso scolastico e formativo o percorsi e tirocini formativi finalizzati all’inserimento e all’inclusione socio-lavorativa.

La domanda per l’assegnazione dei voucher può essere presentata da colore che alla data di presentazione della domanda si trovino nella triste condizioni d’essere donne vittime di violenza ed essere in età lavorativa, se si vuole accedere alla Linea A, oppure, per gli interventi della Linea B, devono trovarsi nella condizione di orfani maggiorenni di una donna vittima di femminicidio.

Inoltre, è necessario essere titolari di SPID personale; essere residenti in uno dei Comuni della Regione Campania. Se i cittadini richiedenti non sono appartenenti alla comunità europea, devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno. Non solo, è necessario dimostrare d’essere presi in carico dai Centri Antiviolenza e/o dalle Case di Accoglienza operativi in Regione Campania e/o dai Servizi Sociali della Regione Campania; e non avere beneficiato di altri sostegni erogati dalla Regione aventi medesimi oggetto e finalità e riferiti allo stesso periodo di spesa.

L’invio della domanda firmata (digitalmente o con firma grafica), sarà possibile esclusivamente attraverso la piattaforma regionale a partire dalle ore 12,00 del 17.10.2022 ed entro e non oltre le ore 18,00 del giorno 16.11.2022.

Per maggiori informazioni è possibile scaricare il relativo avviso pubblicato dalla regione 

Fonte www.ancicampania.it