Due madri picchiate e minacciate dai proprio figli. Gli arresti tra Capodrise e San Marco Evangelista


La Polizia di Stato di Caserta, ieri sabato 16 luglio ha proceduto all’arresto di un trentaseienne, pregiudicato, residente in Capodrise, resosi responsabile di reato di maltrattamenti ai danni della madre, indagato anche per estorsione aggravata e continuata.

In particolare, gli agenti del Commissariato di P.S. di Marcianise sono intervenuti in Capodrise, a seguito di richiesta di aiuto da parte di una donna aggredita dal figlio, segnalato come assuntore di sostanze stupefacenti.

Dalle attività di polizia giudiziaria, si appurava come la donna fosse vittima, da svariati giorni, delle minacce e delle violenze del figlio tossicodipendente, arrivate finanche al lancio di un televisore dalla finestra dell’appartamento al fine di intimorire la donna, cui venivano estorte quotidianamente somme di denaro per l’acquisto di sostanze stupefacenti.

Al termine degli adempimenti di rito, l’uomo è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale (NA) a disposizione dell’A.G. competente.

Nella stessa giornata in San Marco Evangelista, un nuovo arresto per il medesimo reato: un ventitreenne residente in San Marco Evangelista (CE) si è reso responsabile di reato di maltrattamenti ai danni della madre e di violenza a pubblico ufficiale.

In particolare, gli agenti del Commissariato di P.S. di Maddaloni sono intervenuti a seguito di richiesta di aiuto al 113 da parte della sorella del reo che in palese stato di alterazione psicologica, essendo assuntore di sostanze stupefacenti, aveva aggredito e minacciato la madre.

Gli operatori giunti sul posto hanno rilevato la presenza della donna impaurita e molto scossa, con evidenti segni al collo, riconducibili all’aggressione di cui era stata vittima, nonché, la presenza del reo che si scagliava contro i poliziotti.

Le immediate indagini esperite hanno consentito di evidenziare gravi e concordanti indizi di reato nei confronti dell’uomo in ordine al reato di maltrattamenti in famiglia e nello specifico la reiterata commissione di episodi di violenza fisica e psicologica perpetrati dal medesimo nei confronti della madre, sì da indurla ad allontanarsi sin dal mattino dal proprio domicilio, cercando rifugio presso altra abitazione.

Al termine degli accertamenti di rito, l’uomo è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale (NA) a disposizione dell’A.G. competente.