Due serate all’insegna della musica con la Nuova Accademia Toscanini diretta dal Maestro Franco Damiano

Nuova Accademia Toscanini

Sabato 25 giugno e domenica 26 giugno ha avuto luogo il saggio “Emozioni in…Musica, Emozioni in …Canto “ della Nuova Accademia Toscanini di Caserta, di cui è Direttore il Maestro Franco Damiano: dopo due anni di “fermo” forzato, causa covid, si torna a sognare attraverso le note.

Numerosi allievi si sono esibiti nel Teatro della Parrocchia del Buon Pastore di Caserta, accompagnati dai loro maestri e dai loro familiari: emozionatissimi sia gli uni che gli altri, hanno potuto finalmente godere di uno spettacolo vivo, emozionante e sincero così come espresso nelle dichiarazioni al microfono fatte da alcuni allievi nei confronti dei propri maestri, i quali li hanno sempre incoraggiati a studiare, anche a distanza.

A presentare le due serate la Presidente della N.A.T. Annamaria Riello, felice anche lei di aver potuto assistere ad un percorso conclusivo di anni di studio e condivisione di esperienze, sia singole che di gruppo, dei numerosi iscritti ai vari corsi di strumento e di canto. Nessuno di loro ha mai perso di vista il proprio obiettivo: manifestare il proprio amore verso la musica attraverso l’esperienza didattica e formativa che l’Accademia casertana offre.

Si sono esibiti allievi giovanissimi, giovani ed adulti, come ad esempio, alcune cantanti ed un esecutore di brani all’arpa. Tutti innamorati della musica, sia classica che moderna, hanno infatti trasmesso al pubblico presente, numeroso, una capacità espressiva, interpretativa e a volte entusiasmante, dei brani scelti e preparati per l’evento finale, un traguardo che sembrava irraggiungibile.

Valenti i pianisti che hanno eseguito brani di Debussy, Chopin, Schumann, Curcio, Einaudi, allievi accompagnati dai maestri; riuscitissime le performances cantate come “O forse sei tu” e “Promettimi” di Elisa, “Grande, grande, grande” di Mina, “Brividi” di Mahmood e Blanco; molto bravi anche i violinisti e gli ensemble strumentali, come quello iniziale che ha aperto la serata del 26 con “Viva la vida” dei Coldplay.

Un duo vocale ha catalizzato l’attenzione su di sè, due cantanti che provengono dall’Accademia: Giuseppe Di Sette e Raffaela Carfora. Due voci incredibili, capaci di creare un’onda trascinante di fantastiche vibrazioni emotive, interpretando in modo indimenticabile “The prayer” di Bocelli-Dion ed esibitesi anche in due brani singoli. Due voci particolari ed uniche: Giuseppe con una grande estensione vocale ed una notevole potenza e resistenza sonora, Raffaela con una voce duttile, musicalmente perfetta e con una grande gestione del diaframma.

A dare risalto alle esecuzioni strumentali si sono susseguite sul palco anche delle danzatrici che hanno sottolineato ancor più, con la loro delicata gestualità, le emozioni musicali e canore. Infatti, le perfomance sono state arricchite dalle coreografie a cura della More Dance Studios del M° Rossella Rocciola.

Gli applausi non sono di certo mancati , sia come incoraggiamento che come apprezzamento dei risultati ottenuti: bravi gli allievi, bravi i maestri, i quali hanno portato avanti i loro progetti in modo costante, tenace, silenzioso e sicuramente affettuoso durante questo lungo periodo pandemico.