Elezioni Ordine degli Infermieri, la petizione per evitare il rischio di diffusione Covid ha raccolto più di mille firme

Alla vigilia delle elezioni per il rinnovo degli Organismi dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche, i promotori della petizione a sostegno della presenza di più seggi elettorali da istituire sul territorio provinciale, ci segnalano che sono state raccolte oltre mille firme.

“Mai come in questo momento –  sostengono i firmatari –  c’è bisogno di
ascoltare gli Infermieri. La pandemia è ormai in fase acuta e i contagi
non si riescono più a contenere. Siamo seriamente preoccupati, checché
ne dica presidente uscente Mona.

Continuare a ribadire che un solo seggio basti, per giunta in una sede diversa da quella legale, non ci convince e non convince oltre mille colleghi.

Non possiamo ovviamente invitare a disertare le urne, ma possiamo
raccomandare massima attenzione e scrupolosa osservanza delle norme sul
distanziamento. Ci appelliamo ancora una volta alle istituzioni preposte
perché vigilino e verifichino sul rischio assembramento e sul pericolo
di diffondere imprudentemente il Coronavirus.

Questo presidente è lo stesso che ha programmato i lavori nella sede legale
dell’OPI in coincidenza, guarda caso, delle elezioni, impedendo di fatto, il voto a Caserta.

Intanto sabato 17 ottobre, alle sei del mattino si è insediata la commissione elettorale, con un’assemblea lampo e fantasma, prima dell’orario previsto dalla convocazione.  Si è
provveduto a comporre questa commissione senza dare la possibilità a nessuno degli iscritti di partecipare alla discussione e alle decisioni. Lasciamo il giudizio a colleghi elettori”.

I promotori della petizione OPI