Entra nel Parco della Reggia di Caserta e si tuffa nella Fontana indisturbato. Ancora Paolo Sforza

Caserta – Qualcuno lo conosce come “il broker”, anzi “manager broker” come si auto – definisce, in tempi più recenti si è guadagnato anche il soprannome di “Senatore” per le sue mirabolanti avventure da fenomeno dei social network. Paolo Sforza fa di nuovo parlare di sé, verrebbe da aggiungere un “purtroppo”.

Il nostro eroe ha impostato sul suo profilo Facebook Milano come città di residenza ed il Principato di Monaco come città d’origine. Invece (e purtroppo) lo ritroviamo di nuovo e sempre a Caserta, anche questa volta con una delle sue brillanti idee.

L’ultima impresa del nostro eroe, che ovviamente è stata degnamente immortalata da una bella video – diretta condivisa su Instagram, non poteva e non doveva passare inosservata. Il nostro è entrato con la sua automobile (ovviamente una Mercedes-Benz) nel Parco della Reggia di Caserta e si è tuffato indisturbato nella Fontana di Diana e Atteone. Il tutto esibendo il suo fisico non proprio statuario ed un aplomb che nel Casinò del Principato di Monaco forse sfigurerebbe. Davvero non un bello spettacolo, contrapposto alla regale magnificenza della location.

Ecco il video pubblicato su Youtube dai colleghi di Edizione Caserta:

 

Una bravata? certo che no! Ecco come il finto Senatore Paolo Sforza spiega la sua impresa odierna con parole sue: “Oggi ho dimostrato con un gioco come nella mia città potrebbe tranquillamente succedere una tragedia. Questa è la Reggia di Caserta sono entrato con la mia auto fatto il tuffo, sono stato mezz’ora nessun vigilante nessun addetto alla sicurezza. Nulla. Questa è una vergogna e tutti quelli pagati per vigilare dove sono? Menomale che sono il broker e non un terrorista o un malitenzionato. Vergogna Caserta!”.

Per chi si fosse perso le gesta dello Sforza, questi non è nuovo (purtroppo) ad avventure simili. Pochi mesi fa, infatti, si era tuffato nella Fontana di Trevi a Roma dopo essersi travestito da Senatore dell’Impero romano, da qui il suo più recente soprannome.

“Purtroppo” è una delle prime parole che vengono in mente quando il pensiero va a Paolo Sforza Broker – Senatore. Forse non la prima parola in assoluto ma la la prima che possa risultare accettabile in un registro linguistico pulito ed educato.

A quanto pare, è a questo che servono Internet ed i Social Network al giorno d’oggi. Purtroppo.

Loading...