Esche avvelenate a Piazza Pitesti e al Geometra, l’allarme e la protesta del popolo social di Caserta

Meno male che ci sono i social, potremmo dire ormai: sulla pagina Facebook di CCVC Caserta una segnalazione importante, di quelle che ancora oggi fanno ghiacciare il sangue nelle vene a chiunque possieda un cane o un gatto, ma invero anche a tutti gli altri: qualcuno ha avvistato esche avvelenate in zona piazza Pitesti. “Le ho trovate dove metto il cibo ad una piccola colonia di gatti probabilmente messe lì proprio per ucciderli”.

Purtroppo non finisce qui, a questo si aggiunge un nuovo allarme di un altro utente: “Passeggiando un po’ prima di raggiungere gli attrezzi ginnici del Geometra ho visto un cumulo di granelli strani di quel colore quasi violaceo anche sulla terra, proprio in un angolino nascosto prima che la pista curvi“.

Il popolo social che si raccoglie intorno alla conurbazione casertana è inorridito, arrabbiato e lancia l’allarme: “Si invitano i proprietari di cani e i responsabili di colonie feline a sorvegliare i propri amici a quattro zampe e segnalare tempestivamente al Servizio Veterinario ASL e/o alle Forze dell’Ordine il ritrovamento di bocconi sospetti”.

Purtroppo ci sono ancora persone che preparano bocconi avvelenati per cani e li diffondono per strada, nelle aree cani o, peggio ancora, li lanciano direttamente nel giardino delle case.

La disseminazione di esche e sostanze tossiche è un grave problema di sanità e incolumità pubblica in quanto, oltre ad essere un rischio per gli animali domestici, costituisce un serio pericolo per l’ambiente e soprattutto per gli esseri umani, in particolare per i bambini.

Per quanto riguarda l’avvelenamento di animali, la legge è molto chiara: “è espressamente vietato diffondere veleni dalla legge sulla caccia (L.N. 157/92 art. 21, che prevede un’ammenda fino a € 1549,37) nonché dalle leggi sanitarie (art. 146 T.U. Leggi Sanitarie, che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni e un’ammenda da € 51,65 fino a € 516,46)”.

Come comportarsi in caso di ingestione? Non toccare mai con le mani nude i cibi che potrebbero essere stati avvelenati. Contattare immediatamente il Veterinario, nel frattempo cercare di far vomitare l’animale e tentare di mantenerlo calmo nell’attesa di ricevere le adeguate cure mediche.

.