Ex Onmi Casa del Sociale di Caserta: apriamola subito! L’appello del Centro Sociale Ex Canapificio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

A Caserta, da anni, un’intera comunità si impegna per trasformare gli spazi sociali della città in luoghi di svago, cultura e arte. Giardini, cortili delle case popolari, biblioteche e spazi abbandonati sono stati rigenerati grazie alla partecipazione attiva dei cittadini.

Tuttavia, la città e i suoi abitanti hanno bisogno di ulteriori spazi, di molto più spazio. È per questo che si desidera trasformare l’Ex Onmi, un’ampia struttura inutilizzata di proprietà comunale situata in Viale Beneduce, nel centro della città, nella Casa del Sociale tanto necessaria. Questo luogo diventerebbe uno spazio per le persone, per l’arte, la musica e un punto di incontro per attività di supporto e sostegno, gratuite e accessibili a tutti.

glp-auto-336x280
lisandro

L’Ex Onmi è già candidato a diventare un bene comune grazie all’impegno degli attivisti e degli abitanti della città. Durante la serata di Cinema in Erba, una rassegna cinematografica gratuita che si tiene regolarmente a Villa Giaquinto, un altro bene comune nel centro di Caserta, gli attivisti hanno lanciato questo messaggio. Cinema in Erba, che vede la partecipazione di centinaia di persone ogni settimana, è diventato un importante punto di incontro per la comunità.

Dopo la chiusura dell’Ex Canapificio, un altro spazio sociale storico di Caserta, avvenuta nel 2019, l’Ex Onmi è stato affidato al Centro Sociale Ex Canapificio e a una rete di 30 associazioni cittadine tramite un Patto di Collaborazione, previsto dal Regolamento per l’Amministrazione Condivisa. Inoltre, la Regione Campania ha stanziato un finanziamento di 700.000 euro per la ristrutturazione dello spazio, che è rimasto abbandonato per decenni.

Tuttavia, nonostante questi sviluppi positivi, la città aspetta da due anni che i lavori inizino. Il Comune deve ancora completare l’istruttoria tecnica necessaria per ricevere il finanziamento, e nel frattempo il tempo passa e la città continua a essere privata di uno spazio vitale.

Si è deciso di dedicare e intitolare questo spazio a Mamadou Sy, un attivista della comunità senegalese e cittadino che si è impegnato strenuamente per la difesa dei diritti di tutti e la tutela del territorio, scomparso prematuramente nel 2019.

Nel frattempo, ci si prepara a utilizzare nuovamente il cortile esterno dell’Ex Onmi, come già avvenuto in questi due anni. A settembre, si organizzerà la proiezione di un film nel cortile, in collaborazione con Caserta Film Lab e il Comitato per Villa Giaquinto, che fanno parte della rete di 30 associazioni coinvolte nel Patto di Collaborazione per la gestione dello spazio.

Durante l’evento, ci saranno anche stand di artigiani e artisti locali e altre attività aperte a tutti. Ulteriori dettagli saranno comunicati tramite i canali social del Centro Sociale Ex Canapificio nelle prossime settimane.

Centro Sociale Ex Canapificio, promotore della rete per la gestione condivisa dell’Ex Onmi di cui fanno parte Abile Mente, Agesci Caserta 2, Ali della Mente, Arci Caserta, Argo, Auser, Caserta Film Lab, Combo, Comitato Città Viva, Compagnia della Città, Lipu Caserta, Nero e Non Solo, Passamano, Agesci Casagiove, Caritas Caserta, Caserta Città di Pace, Cittadinanza Attiva, Laboratorio Sociale 1000 Piani, Comitato per Villa Giaquinto, Kalifoo Ground, Matutae Teatro, Comitato Parco degli Aranci, RFC Lions, Ass.ne San Francesco d’Assisi, Spazio Donna, Uisp Caserta, WWF Caserta, Zetesis, Stella del Sud, Solis.
Caserta, 13.7.23

Contatti: Federica Maria Crovella3515565636