Ferrarelle, record di riciclo di bottiglie di plastica grazie al nuovo stabilimento di Presenzano

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Ferrarelle ha riciclato ben 4,5 tonnellate di PET, la plastica di cui sono fatte le bottiglie di acqua minerale. Questo è soltanto il bilancio dei primi sei mesi di attività dello stabilimento di Presenzano, in provincia di Caserta, frutto di un investimento di ben 27 milioni di euro.

A breve Ferrarelle potrà mettere in commercio, grazie allo stabilimento casertano, bottiglie costituite da R PET, ovvero PET riciclato al 50%, la quota massima consentita dalla legge.
A pieno regime lo stabilimento di Presenzano sarà in grado di riciclare 23000 tonnellate di Pet, l’equivalente di circa un milione di bottiglie, ovvero una quantità doppia di quanta ne utilizza Ferrarelle ogni anno per produrre le sue bottiglie. In pratica ogni 3 bottiglie realizzate, l’azienda ne sottrarrà 2 all’ambiente ed ai normali cicli di smaltimento.

AUTOMORRA

Ferrarelle è il primo marchio importante dell’industria alimentare italiana a vantare una propria struttura adibita appositamente al riciclo. A conti fatti una bottiglia in plastica riciclata costerà all’azienda il 16% in meno di una prodotta da plastica vergine. L’acqua continuerà ad essere imbottigliata a Riardo e Boario Terme, mentre il nuovo stabilimento di Presenzano si occuperà solo delle bottiglie.

“Investiamo in sostenibilità economica e ambientale – dichiara Michele Pontecorvo Ricciardi, vicepresidente di Ferrarelle SpA – con un progetto pionieristico frutto di una mirata strategia aziendale, in termini di ricerca e innovazione ispirata all’economia circolare”.