Il figlio del boss Piccolo viola la sorveglianza speciale: sorpreso in auto con i soldi, viene arrestato

Marcianise (Caserta) – Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato di Caserta ha tratto in arresto Achille Piccolo, classe ’75, attualmente capo dell’omonimo clan camorristico egemone in Marcianise e comuni limitrofi. Il ras, sottoposto alla sorveglianza speciale della P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è stato riconosciuto dagli agenti della locale Squadra Mobile nel mentre, a bordo di un’autovettura, circolava nel territorio di Caivano.

Alla luce di ciò, è stato immediatamente intercettato e bloccato, quindi tratto in arresto per violazione degli obblighi previsti dalla misura di prevenzione cui è sottoposto. Nella circostanza gli è stata contestata altresì la guida con patente revocata.

Achille Piccolo è figlio del più noto Antimo, capoclan deceduto nell’agguato del 12 novembre 1986, meglio noto come “strage di San Martino”. Nella circostanza, oltre ad Antimo, persero la vita nel cortile dell’abitazione di questi, anche i suoi accoliti MARTELLONE Michele, BELLOPEDE Antonio e BELLOPEDE Giacomo.

Dopo le formalità di rito, il Piccolo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida che, tenutasi nella mattinata odierna con rito direttissimo, ha visto la convalida dell’arresto e la condanna del prevenuto alla pena di due anni di reclusione; allo stesso tempo, trattandosi di violazione di una misura di prevenzione di recentissima esecuzione, in territorio ad alta densità criminale ed in un contesto di fatti di dubbia natura, come la detenzione di ingente somma di denaro, di cui lo stesso era stato trovato in possesso al momento del controllo, il Giudice ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Loading...