Finale al Belvedere di San Leucio, raggiunto l’obbiettivo per la Croce Rossa: presto nuovi defibrillatori

Caserta – È di 1937,20 euro il totale dei fondi raccolti con le donazioni fatte dai mille tifosi casertani che hanno assistito alla finale degli europei nel cortile del Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio. Una partita mozzafiato, che ha tenuto con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo prima del fischio finale.

Massimo Vecchione, direttore artistico del festival «Un’Estate da BelvedeRe», in sinergia con il sindaco Carlo Marino in rappresentanza del Comune di Caserta e con la presidente Teresa Natale del comitato locale della Croce Rossa Italiana di Caserta, ha inteso promuovere l’evento gratuito in totale sicurezza e nel pieno rispetto della normativa anticovid.

Nessun costo per assistere alla finalissima Italia – Inghilterra, ma chi voleva ha potuto donare un contributo volontario da versare direttamente nelle casse della Croce Rossa di Caserta. I soldi raccolti finanzieranno dei defibrillatori da installare proprio nella città di Caserta, uno dei quali sarà posto in uno dei cortili del Complesso di San Leucio. Una tripla vittoria, sia per lo sport professionistico, sia per la sicurezza e sia per la solidarietà.

L’evento si è svolto in totale sicurezza fino alla fine, quando poi i tifosi sono stati accompagnati verso l’uscita per proseguire in strada i festeggiamenti. I volontari della Croce Rossa sono stati impegnati già dalle ore 19 per le operazioni di accesso degli spettatori e per garantire l’assistenza continua in caso di emergenza durante la partita. Con loro, i tanti volontari che hanno voluto prestare gratuitamente la propria opera per garantire il successo della manifestazione. Una bella pagina di volontariato che è stata scritta ieri dalle tante persone che hanno contribuito, a vario titolo, affinché tutto si svolgesse in sicurezza.

«Sono particolarmente contento – ha commentato Massimo Vecchione, il direttore artistico di Un’Estate da BelvedeRe – di come sia andata la serata. Abbiamo voluto regalare alla città un momento di festa in sicurezza e abbiamo centrato l’obiettivo. Non nascondo l’entusiasmo per aver portato a casa anche l’ambizioso traguardo di circa duemila euro raccolti grazie ai contributi volontari donati dai tifosi presenti alla partita e che permetterà alla Croce Rossa di Caserta di acquistare altri defibrillatori per la città di Caserta. Fiero – ha concluso Vecchione – di quanto abbiamo realizzato, in un momento così tanto difficile».

Il risultato finale è stata una bella e piacevole festa. Per tutti.