FIT CISL, Trasporto pubblico in provincia di Caserta, cosa cambia nella fase 2

Da oggi, 4 maggio 2020, inizia la cosiddetta “Fase 2” con la riapertura parziale di diverse aziende ed esercizi commerciali.

Per quanto concerne il Trasporto Pubblico Nazionale, ed in particolare in Campania, nella stessa Provincia di Caserta, si partirà con un’offerta commerciale del 70%.

Per tale fase 2 sono stati messi a punto numerose disposizioni, nel rispetto anche del Protocollo Condiviso del 24 aprile, per il contenimento e la diffusione del Virus “Covid 19”.

Sia a livello Nazionale che a livello Regionale, sono stati fatti accordi che prevedono distanziamento sui mezzi pubblici e le indicazioni anche attraverso annunci e pittogrammi sugli stessi; aree di sicurezza sui mezzi per i lavoratori del Trasporto Pubblico; afflusso e deflusso nelle grandi e medie stazioni per la clientela;

Comitati Aziendali perinterventi rapidi e di prontointerventoincaso di emergenza; allertamentodi tutte le forze dell’ordine e delle Security Aziendali, che operano di concerto con tutti i soggetti interessati.

Allertate le Prefetture Tutte, anche da parte delle Organizzazioni Sindacali dei Trasporti, richiedendo un massiccio intervento e presenza delle Forze dell’Ordine sui Mezzi di Trasporto.

È stata creata una Cabina di Regia da parte della Regione Campania, che possa permettere un pronto intervento di correzione ai problemi che possano nascere da domani e nei giorni a seguire, Così come tante altre iniziative messe
in campo per l’inizio di questa nuova fase.

È stato rilevante il contributo della Regione Campania sia per la disponibilità dimostrata che per l’accoglimento di diverse proposte sindacali, anche con le stesse Ordinanze Regionali emesse, che lasciano intendere che domani non è il giorno del “tutto si può fare”!

Ma nonostante tuttoquesto, riteniamo che lo SFORZO MAGGIORE VA FATTO DAI CITTADINI. Ancora una volta da loro. Contraddistinguendoci ancora con la Responsabilità, il Senso Civico e con la Pazienza nel fronteggiare con Calma e Tranquillità i problemi che non mancheranno di sicuro, nella Mobilità delle persone con l’utilizzo dei mezzi pubblici.

Non occorrono scene di panico o di aggressione anche verbali
agli operatori del Trasporto, che cercheranno di fare il massimo, dando indicazione ed informazioni per un trasporto sicuro e tranquillo.

Riteniamo necessario questo appello, affinché anche in questo nuovo inizio, come cittadini della Campania, diamo un esempio di Senso Civico e di Maturità Culturale, cosa di cui i Campani tutti possiamo andare fieri, perché ci ha contraddistinto in questo periodo di emergenza sanitaria.

Nella Filiera della Logistica e del Merci della Provincia di Caserta, abbiamo attivato l’applicazione sia del precedente Protocollo Condiviso del 14 marzo che quello ultimo del 24 aprile e non con Poche difficoltà, soprattutto iniziali nella Filiera alimentare, che in questa emergenza sanitaria ha chiesto e ottenuto, una
grande collaborazione dai lavoratori, per non far mancare i generi di prima necessità ai cittadini.

Abbiamo sottoscritto centinaia e centinaia, in provincia di Caserta di Verbali per Casse Integrazioni, per le Aziende del Merci, Autotrasporto, Logistica e Spedizioni; dando supporto ai lavoratori del Settore in
crisi, anche in Aziende non Sindacalizzate.

Questa Emergenza Sanitaria che ha visto piangere tantissimi morti in piena solitudine, senza neanche l’amore e l’affetto dei familiari e amici, deve farci riflettere che è il momento di cambiare politiche sociali ed economiche.

Riflettere sul futuro sviluppo economico del paese e del mondo e dando spazio anche a temi come l’ambiente e l’equità sociale.

Ma c’è ancora molto da fare per uscire da questa emergenza sanitaria, ma “TUTTI INISEME CE LA FAREMO”.

Segreterie Provinciali
Filt Cgil
A. Lustro

Fit Cisl
P. Federico

Uilt Uil
V.Sperlongano