“Flight Dispatcher”, gli studenti dell’istituto Tecnico Falco di Capua ricevono gli attestati del progetto dell’IFDA

All’aeroporto “Oreste Salomone”, dove ha sede anche la Scuola di Volo dell’ Aero Club capuano, si è svolta la regolare procedura di consegna degli attestati di “Flight Operations” agli allievi che per cinque intense giornate, fra il 7 e il 15 gennaio, hanno frequentato il corso programmato dall’IFDA (Italian Flight Dispatch Association).

Il corso d’intesa con l’Indirizzo Trasporti e Logistica dell’Istituto tecnico “Giulio Cesare Falco” di Capua. Ad avvalorare l’appuntamento sono intervenuti la dirigente scolastica del “Falco”, Angelina Lanna, e i docenti Fabrizio e D’Angelo.

In effetti, la classe 5ª Acm del predetto Istituto – che segue uno specifico curricolo finalizzato all’acquisizione delle competenze relative alla “Conduzione del mezzo aereo” – ha partecipato ad un itinerario informativo riguardante la figura del “flight dispatcher”, cioè di «un operatore aeronautico impiegato nel controllo e nella supervisione delle operazioni di volo» come ha spiegato la studentessa Alessia Torrano.

Descritto in estrema sintesi il profilo professionale, la stessa corsista ha raccontato così  la compiuta esperienza di studio: «E’ venuto da Roma il professor Salvatore Menditto, il quale svolge questo ruolo nella compagnia aerea Alitalia. Il corso è stato suddiviso in questo modo: quattro giorni con cinque ore di teoria e l’ultima lezione svolta alla Sky Services di Capua (Scuola di Volo).

Nelle venti ore teoriche abbiamo trattato vari argomenti relativi a meteorologia (in particolare, bollettini meteorologici), pianificazioni dei voli, classi di aerei e manuali di compagnia. L’esperto è stato davvero bravo e coinvolgente, le lezioni non sono state affatto noiose ed il vero peccato è che il corso sia durato troppo poco. Abbiamo appreso tanto.

E tutto si rivelato molto utile per la scuola che stiamo frequentando e per il nostro futuro lavorativo. Alla Sky Services abbiamo potuto anche osservare e toccare con mano vari aeroplani. Interessantissima la lezione conclusiva tenuta da un pilota.

Infine la consegna delle certificazioni, grazie al superamento del test finale del corso». In definitiva e parlando anche a nome dell’intero gruppo di allievi, Alessia ha detto: «Siamo molto soddisfatti di aver partecipato a questo progetto.

E’ stata un’iniziativa davvero importante e speriamo vivamente, per chi ha questa passione, di avere l’occasione di parteciparvi di nuovo. Ringraziamo la ds, dottoressa Angelina Lanna, e il prof. Antonio Fabrizio per l’opportunità a noi concessa».

Nella circostanza la ds Lanna, durante il suo intervento di saluto, si è compiaciuta dell’efficiente organizzazione, prendendo atto con giusto orgoglio che gli studenti sono stati «molto attenti e molto partecipi al percorso».

Ne ha solo confermato, a sua volta, il limite della brevità e perciò, rivolgendosi direttamente ai corsisti, ha aggiunto: «Per il futuro cercheremo di variare e ampliare ulteriormente la nostra offerta formativa.

Noi non consideriamo soltanto le conoscenze, ma cerchiamo di potenziare integralmente la vostra crescita culturale, di formarvi per la vita. In particolare, per farvi entrare con facilità e con competenza nel mondo del lavoro».